Lo “sceicco” Putin e la crisi Ucraina: uno scontro tra due fallimenti

Comunque vada a finire la disputa tra Russia e Ucraina, una cosa è sicura: i due Paesi protagonisti della vicenda sono un esempio di  come la cattiva politica si traduca in disastri (evidenti o mascherati)  sul piano economico. Per il momento i problemi di Mosca sono nascosti dalla rendita dell’export di gas e petrolio, quelli di Kiev sono invece sotto gli occhi di tutti. L’economia ucraina è una delle peggio gestite al mondo e c’è chi ne ha fatto un caso di scuola per spiegare il concetto di catastrofe  gestionale. Erik Nielsen, chief economist di Unicredit, ha messo in fila […]

  

Super Mario Draghi torna in scena: ecco le armi a sua disposizione

Se c’è una persona a cui si può attribuire il merito di aver guidato l’Europa (quasi) fuori dalla crisi, questa è Mario Draghi. Navigando con l’abilità di un grande politico tra le incongruenze dell’impotente Italia  e la miopia della potente Germania, Draghi è riuscito a portare la fragile navicella dell’euro fino a vedere la riva. Ora però tocca di nuovo a lui. Di fronte ha ancora problemi non da poco: allontanati i rischi di un’implosione della moneta unica, deve fare i conti con una ripresa che è tale solo per i Paesi più forti e che si riflette su un […]

  

I soldi e la legge del cretino: se l’Italia assomiglia all’Argentina

Il capitalismo è il sistema economico che tende a separare il denaro dai cretini. La definizione dell’economista Usa John Kenneth Galbraith è espressa in forma paradossale ma sostanzialmente esatta. In un mercato libero chi prende una decisione ne assume il relativo rischio e ne paga le conseguenze. Ed è proprio per questo, perché premia le scelte esatte e punisce quelle sbagliate, che il capitalismo riesce  a produrre efficienza nell’uso delle risorse. Nelle settimane scorse alla ribalta internazionale è tornato un Paese che da decenni si distingue per la capacità di compiere scelte economiche fallimentari: l’Argentina.  Nei libri il paese latino-americano […]

  

Il blog di Angelo Allegri © 2018