Uno storico dell’Università di Cambridge, Brendan Simms,  ha pubblicato l’anno scorso un libro (Europe, The struggle for supremacy), ampiamente discusso sulla stampa internazionale,  in cui presenta l’intera storia del Vecchio continente negli ultimi cinque secoli come il tentativo di gestire il problema della potenza tedesca.  La Germania, secondo Simms, è troppo piccola per stabilire una durevole supremazia sul resto d’Europa, ma troppo grande e forte per essere trattata come gli Stati che la circondano. In campo economico e monetario è senza dubbio così e anzi si pùo dire che negli  ultimi 50 anni tutti i più grandi scossoni valutari  che […]