A Bologna il 26 maggio si terrà il referendum cittadino sul finanziamento del Comune alle scuole paritarie private. Il risultato di questa consultazione non potrà non avere conseguenze anche per il resto del Paese. Se dovesse vincere il fronte dei “no” , ovvero di chi non vuole che si sostengano le private con i soldi del Comune, questa vittoria potrebbe essere usata come un Cavallo di Troia per mettere in discussione  il principio  del finanziamento anche a livello nazionale,  scardinando così il sistema scolastico integrato, che comprende pubbliche e paritarie, istituito nel 2000 per volontà dell’allora ministro dell’Istruzione, Luigi Berlinguer. […]