Propositi (più) malmostosi per il 2016

Numero due: le altre madri. Le altre madri si dividono in due categorie: le amiche (poche), e tutte le altre. Le seconde, spesso, nemmeno salutano. Tendono a fare gruppo a se’, schifando il resto della popolazione. Il loro disprezzo è palpabile, e proporzionale all’impegno e al presenzialismo nelle attività scolastiche (dall’asilo in su). Il proposito? Non lasciarsi innervosire. Fregarsene se prendono il caffè insieme, e ti ignorano. Abbozzare, se monopolizzano la maestra per parlare di questioni apparentemente “fra loro”. Rimediare, se conoscono i nomi di tutti i bambini, e tu alcuni non li avevi nemmeno mai visti o sentiti. Mai […]

  

Propositi (più) malmostosi per il 2016

Dopo i propositi quasi buoni, e’ il momento di quelli più decisamente malmostosi. numero uno: ignorare i curiosi. Quelli che ti fanno le domande, che ti salutano per intrufolarsi nella tua vita, che ti chiedono “come stai” e poi ti tormentano, che non si fanno i fatti loro ma i tuoi, preferibilmente (di solito, purtroppo, amano anche parlare dei loro di affari che però, sempre purtroppo, non sono interessanti, tipicamente). Non che la malmostosita’ non tenda a ignorarli, spontaneamente. Ma, qualche volta, anche il/la malmostoso/a si lascia intenerire, insomma scambia due parole col curioso/a di turno, e si pente subito […]

  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/15

Quindicesimo proposito: intensificare i bronci. appena allenti il broncio, lo addolcisci, lo dimentichi un pochino, abbassi la guardia. E non è che diventi meno malmostoso: al contrario, lo diventerai molto di più. Meglio un broncio oggi, che dieci bronci domani…

  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/14

Quattordicesimo proposito: non arrabbiarsi troppo. e’ un proposito difficilissimo. Non arrabbiarsi troppo a casa, in famiglia, sul lavoro, sull’autobus, al supermercato, in chiesa, in spiaggia, sul treno, all’asilo dei figli, al telefono, alla posta, in coda, all’autogrill, al ristorante, nei negozi, al bar, al check-in, dal giornalaio, alla biglietteria, dal fruttivendolo, alla fermata del tram, in pizzeria. Non “non arrabbiarsi”, solo non esagerare, nella quantità e nella modalità…  

  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/13

Tredicesimo proposito: sistemare carte e documenti una volta al mese. d’accordo, e’ quasi utopia. Almeno ogni tre mesi, ecco. Non ridursi al tremendo one shot- una montagna intera, una volta l’anno, da smaltire fino a prosciugarsi (diventando isterici, nel frattempo).

  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/12

Dodicesimo proposito: imparare a calcolare le percentuali. perché proprio le percentuali, e non i conti e basta? Primo, perché con le percentuali si fa sempre un figurone, anche a tavola con gli amici, i colleghi, i parenti. Secondo, perché servono per comprare con i saldi…  

  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/11

Undicesimo proposito: capire qualcosa di football americano. si può obiettare: ma che proposito e’?? vero. Rientra, diciamo, nella categoria dei propositi “pratici”, tipo imparare il cinese, o rispolverare un tedesco scolastico (traduzione, che non parliamo da quasi vent’anni). Se capisci un po’ di football, puoi capire anche un po’ di rugby, e viceversa, e quando ci sono quelle partite della nazionale, o quando c’è il superbowl, puoi fare finta di partecipare, almeno un pochino. Altrimenti ti addormenti sul divano, ed è chiaro che proprio non ci capisci niente…

  

Scritto in Posta -
1 Commento »  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/10

Decimo proposito: leggere i libri che compriamo. si capisce, e’ impossibile. Però almeno provarci. Almeno raggiungere una buona percentuale. Se non ce la facciamo (molto probabile), non diminuire comunque la compulsivita’ dell’acquisto di libri, che sarebbe molto, molto peggio…

  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/9

Nono  proposito: non esagerare con i propositi. i propositi, come le regole, sono fatti per essere trasgrediti. Troppi propositi sono come i vizi: viene subito voglia di accontentarli (i vizi). In questo caso, i propositi sono sicuramente troppi. Seguiranno altri propositi. Malmostosamente, è chiaro che il proposito nasca svantaggiato…

  

Propositi (quasi) buoni per l’anno nuovo/8

Ottavo proposito: gentilezza. gentilezza a doppio senso: essere gentili con gli altri (il più possibile), ma non tollerare troppo chi non lo è. Gentili, non totalmente fessi. Però un po’ di gentilezza ci vuole, del resto fa rima con leggerezza ed è vero, sia detto con malmostosita’, ma il broncio non può mai essere maleducato. Non deve cedere alla scortesia. Anzi. Un broncio gentile è come il pessimismo efficace (proposito uno)…

  

il blog di Eleonora Barbieri © 2018