Sterilizziamo i drogati

immagine presa dal web

È tutta questione di… tristezza. Nel leggere questa notizia non possiamo che provare un sentimento diffuso di tristezza, come appunto scrivo, anche se è confuso ad altri sentimenti, che forse molto spesso non abbiamo il coraggio di riconoscere ed esprimere. Specialmente in questi casi. Eppure, proprio per quel bambino, mi sento anche io in dovere di dire ciò che la notizia ha suscitato nella mia mente: ripugnanza, ribrezzo e schifo per quello che resta di questi miseri esseri umani, decisamente lontani dal ruolo di genitori. Purtroppo, in questo sistema solare e per tutta la nostra specie umana, è impossibile crescere […]

  

Padre Pio e la tristezza atea…

tristezza

È tutta questione di… tristezza. Quando si ama una persona la si vuole accanto, si desidera condividere con lei molto tempo della nostra vita. Il quotidiano, anzi, acquista un sapore diverso se ce la vediamo accanto, anche nel silenzio, non importa. Tutto diventa più bello, più importante e diverso, anche se nulla cambia effettivamente attorno a noi. È vero, non cambia proprio nulla. Ma quello che muta è ciò che si sente dentro, nell’invisibilità di quell’amore che ognuno di noi desidera per tutta la vita, come se la vita stessa fosse solo una questione di amore. E lo è, carissimi […]

  

Alla deriva esistenziale? Beh, forse lo vogliamo noi…

foto stefano cracco

È tutta questione di… tristezza. Nel leggere questa notizia, oltre che alla dimensione scientifica della rivelazione, il mio pensiero va, ovviamente, a coloro che si affidano a questa pratica drogante. Sì, perché prima ancora di ragionare sulla questione della droga, penso sia importante fermare la nostra attenzione su ciò che viene prima della droga, ossia su quali possono essere i pensieri che inducono alcuni esseri umani a dedicare parte della propria vita, quando non tutta, ad una alterazione del proprio stato di coscienza. Gli stati della nostra coscienza, che in realtà non sono veri e propri stati, perché cambiano continuamente […]

  

Il blog di Alessandro Bertirotti © 2017