Argento vivo

Asia Argento NYT

Tutta questione di… scheletri nell’armadio. La notizia ha fatto il giro del mondo. Sono molti i media che ne parlano. D’altra parte, in Toscana esiste un detto: “il più pulito c’ha la rogna“. Direi che è perfettamente in sintonia con l’attivismo erogeno-oro-sessuale della nostra para-attrice. Nello stesso tempo, devo ammettere che, molto probabilmente, il personaggio non avrebbe avuto altra scelta che procedere così, come ha fatto, e non mi riferisco ai soldi elargiti affinché tutto venisse messo a tacere, ma all’azione in sé. Io ho una concezione della bellezza vetusta. Sono abituato al Rinascimento italiano e alla successiva elaborazione realistica […]

  

Firenze? Una fogna a cielo aperto…

firenze

È tutta questione di… decenza. La notizia conferma ciò che ho visto nella città nella quale ho studiato, e ciò che si continua a vedere. In sostanza, una città irriconoscibile, sebbene e fortunatamente ancora frequentata da turisti di tutto il mondo. Sporca, lurida, quasi abbandonata al buon senso dei fiorentini che pur essendo notevole, in queste condizioni di vita non può bastare né esprimersi al meglio. A parlare con loro, ci si sente rispondere che non ne possono più, di camminare per il centro, fra cantieri della tranvia, ammassi di tappetini di venditori improbabili e abusivi, questua a ogni angolo […]

  

Questi media fanno schifo…

nerogocciabis

È tutta questione di… decenza. Sfogliate e leggete qualsiasi giornale, on line oppure cartaceo; accendete qualsiasi canale della televisione, che sia gratuito; scorrete le notizie in qualsiasi agenzia di stampa: quale realtà vi si presenta ? Lo dico io: sangue, stupri, uccisioni, morti ammazzati sgozzati; bambine abusate e buttate dalla finestra, truffe, vandalismi, razzismi, disperazione di massa, femminicidi e torture, e mi fermo. Potrei continuare con tutto il peggio di questa nostra evoluzione umana. Dove siamo finiti? Ossia, ci siamo finiti ora in tutto questo o tutto questo esiste da tempo e solo ora siamo costretti a vederlo o leggerlo […]

  

Il blog di Alessandro Bertirotti © 2019