La scuola di Amatrice spezzata a metà.

download

  Questo blog racconta dei crolli figurativi della scuola italiana. Cadute di stile, rovine metaforiche e franamenti culturali. Non dei cedimenti degli edifici, non della furia cieca di un terremoto, non dei capricci del sottosuolo. In queste ore, tacere il più possibile è un obbligo morale: degli avvenimenti non dipendenti dalla volontà umana, ben si sa, è quasi inutile parlare. Non è un aforisma di Wittgenstein ma un moto naturale della coscienza. Quello che ti blocca la mano sulla tastiera. La colpa è solo della Τύχη: una forza impersonale mossa dal destino: inattesa, imponderabile, imprevedibile. Raccontare della scuola di Amatrice […]

  

Chi salva il liceo classico ( e la nostra identità) ?

1288355053080Giovanni-Gentile

Il termine “classico” viene dal latino “classicus.” Il significato generico è quello di eccellente. I migliori tra i militari dell’esercito romano erano chiamati “classici”: la crema ed il fiore della latinità marziale. “Exercĭtŭs”, del resto, significa sforzo, pratica. Il pensiero debole dei tanti peregrinatori mentali che hanno abitato ed abitano le classi di quella che dovrebbe essere l’avanguardia culturale d’Italia, rappresenta esattamente l’inverso. Li chiamano intellettuali, ma se c’è una visione melensa e distorta del liceo classico è proprio quella radical chic : il luogo della erotizzazione del sapere adattato alle richieste della liquidità denunciata da Bauman. La generazione più […]

  

La sinistra e i professori non si vogliono più bene.

fotogramma - ruzzo -

Si erano tanto amati, la sinistra ed i docenti. Incontratisi per la prima volta sulle scale dell’università, si fusero nell’enfasi marxista; quindi la sinistra con tono impositorio disse: “Ora, se vorrete guadagnare la vera libertà, leggerete Marcuse tre volte, sovvertirete il sistema borghese, brucerete jeep, appiccherete roghi, occuperete facoltà e predicherete la fine dei costumi dei padri. Solo così diverrete veramente liberi!” Fu colpo di fulmine. I docenti, che allora erano solo degli studentelli sbarbati, credettero. Era il 1968’. “Ricordi? Sbocciavan le molotov.” Lei seduceva con l’inchiostro. Loro, in fin dei conti, erano solo i figli di quella borghesia da […]

  

Renzi ha riposto i gessetti: il caos estivo sulla “Buona Scuola.”

In un Agosto torrido sta scoppiando l’ennesimo caos sulla legge del 13 Luglio 2015, n. 107, meglio conosciuta come “Buona Scuola.” È un’altra lunga estate dell’istruzione italiana. Da noi c’è una tradizione politica precisa: chi tenta la strada della riforma scolastica passa delle grosse rogne. Di tipo politico, si intende. Specie quando dalla dialettica si vira nella guerra ideologica: il ritiro strategico di Luigi Berlinguer sul “concorsone”e il pianto napoletano di Tullio De Mauro ne sono la memoria storica. Era il tempo dell’establishment della sinistra governativa impigliatasi nelle secche della contestazione. Ci risiamo? Il tutto avviene ancora dentro una triangolazione […]

  

L’istruzione sottomessa. Tutti i mali della scuola italiana in un blog.

Michel Houellebecq file-08602-media-620x430

  Il protagonista di “Sottomissione” di Michel Houellebecq è François, uno studioso di letteratura, esperto di Huysmans, che decide di convertirsi all’islam perchè l’università islamica gli offre i soldi per poter vivere della sua vocazione culturale. Il romanzo è anche un libro sullo stato di salute dell’istruzione occidentale, divenuto d’attualità nella nostra nazione. Siamo nel mezzo di un processo di monetizzazione del sapere in cui l’Italia è coinvolta. Ogni studente è cosciente che l’unico scopo dello studio è la sua fruibilità economica. Come François siamo costretti a venderci ad un offerente. Quando almeno ce n’è uno. La cultura è una […]

  

Il diario del ribelle © 2018