A lezione di francese da Tarantino

Se dovessi pensare a qualche cosa di specificatamente letterario nel cinema, non mi verrebbe mai in mente Luchino Visconti e il suo Gattopardo. Così come non penserei all’ultimo John Huston, quello del suo capolavoro-testamento: The dead (tratto da un racconto di Joyce). Penserei invece alla forza dei dialoghi o dei monologhi dei film di Quentin Tarantino. In quei dialoghi (penso soprattutto al capolavoro  Pulp fiction, ma anche all’ultimo Django uncheined), c’è la voluttà della facondia che, da sola, è capace di colorare con nettezza i tratti salienti dei personaggi. Insomma, personaggi che si conoscono e riconoscono per le cose che […]

  

Kipling idolo degli agenti immobiliari

Lo confesso: provo un leggero sentimento d’invidia nei confronti degli inglesi. I loro scrittori sono sugli scaffali delle librerie di tutto il mondo. I loro classici finiscono per essere quasi inevitabilmente i nostri classici. E le notizie che riguardano i loro “grandi autori” finiscono per fare il giro del mondo (con tappa forzata anche da noi). Un esempio? Le agenzie hanno battutto questo lancio: “Una residenza storica dove ha vissuto il celebre scrittore britannico Rudyard Kipling è in vendita a oltre 1,5 milioni di sterline (1,8 milioni di euro). Si tratta della villa The Elms, situata in riva al mare […]

  

Via Margutta da Moravia a Fiorito

Rileggendo capolavori del passato si può rimanere sconcertati per alcune abitudini dei personaggi che lì prendono vita. Per tic e modi di pensare ormai considerabili fuori dal tempo. Ed è quello che mi è successo rileggendo La noia di Alberto Moravia (morto proprio il 26 settembre di 23 anni fa). Si tratta di un cosiddetto “titolo di catalogo” che dà lustro al marchio Bompiani. Dal1960 a oggi ha avuto decine di edizioni. Dal 2001, poi, è stampato nella collana dei tascabili e negli ultimi tredici anni ha bruciato ben 19 ristampe. Segno che questo long-seller continua a parlare ai lettori […]

  

Il cinguettio della vanità secondo Franzen

Oggi siamo finalmente venuti a sapere qual è il male assoluto che può minare le basi della letteratura. Quella con la L  maiuscola. Quella, per intenderci, che tentiamo (con la modestia delle nostre capacità) di promuovere in questo blog. Lo scrittore Jonathan Franzen, acclamato a suo tempo da Time come “uno dei più grandi romanzieri americani della sua generazione”, si scaglia contro Amazon, il colosso della vendita di libri online, accusando il suo fondatore, Jeff Bezos di pubblicare solo autori “chiacchieroni, vanitosi e tweeter” ovvero “cinguettanti”.  Come a dire che è la vanità di chi frequenta i social network e […]

  

Cesare Borgia testimonial di Marc’Aurelio

Anche la televisione può essere un ottimo stimolo alla lettura. Il Giornale mi ha inviato sul set praghese della fiction tv dedicata ai Borgia. Oltre a incontrare gli attori e la troupe, ci è stata data l’opportunità di visionare in anteprima gli episodi che proprio questa sera (13 settembre) andranno in onda su Sky Cinema 1. Mi ha colpito una scena in cui un languido Cesare Borgia, giace compiaciuto con una sua amante. Finito l’amplesso è lì che legge un libro. Lei le chiede di che libro si tratti e lui risponde. “Le Meditazioni di Marc’Aurelio”. Poi Cesare si vanta […]

  

Valery, Pound e i “cimiteri marini”

A parte i libri, c’è una cosa che ci avvicina ai grandi scrittori, monumenti virtuali della nostra cultura. E quella cosa sono appunto i loro monumenti funebri. D’altronde sull’importanza dell’ultima dimora aveva le idee chiare già Michail Lermontov. “Un uomo piccolo – scriveva – è piccolo anche nel dolore, un gigante è grande anche nella tomba”. La casa del loro ultimo riposo diviene, quindi, il più evidente e materiale contatto tra noi e loro (libri a parte, ovviamente) e tante cose si possono capire da come gli eredi (in senso lato, non necessariamente familiare) hanno sistemato il caro (e famoso) […]

  

Quel libro che anticipava “Sacro Gra”

Ha fatto discutere l’assegnazione del Leone d’oro al film di Gianfranco Rosi Sacro Gra, il documentario che racconta con uno sguardo attento e sensibile le “vite  di confine”, quell’umanità che si guadagna faticosamente l’esistenza ai bordi estremi della Capitale. Quasi un quarto di secolo fa, era il 1989, uscì per Bompiani Grande Raccordo. Era il terzo titolo di Marco Lodoli (dopo Diario di un millennio che fugge e Snack bar Budapest). Come nel film, anche in questa raccolta di racconti si incontra un’umanità “periferica” rispetto al mainstream della nostra quotidianità. Personaggi emancipati dai forzati gioghi della routine e quindi liberi, […]

  

Fuori i nomi, Saviano!

In questo post oggi parliamo di Roberto Saviano. Un classico? Ovviamente no. Un autore da catalogo? Probabilmente lo diventerà. D’altronde il suo debutto (Gomorra, Mondadori) è entrato nelle case della maggior parte dei lettori forti e di tanti lettori occasionali. Saviano ha avuto il merito di creare un genere. O meglio di trasferire sui nostri lidi un genere. Quel nuovo giornalismo che ha avuto in Truman Capote e Norman Mailer i massimi campioni. Basta citare Wikipedia per offrire qui una definizione puntuale: “Il new journalism prevede l’introduzione di motivi tipici della narrativa, capaci di catturare il lettore, nelle strutture del giornalismo tradizionale. […]

  

Bezos e il matrimonio “impensabile” del Kindle con la carta

E’ il segno dei tempi. Il libro elettronico rosicchia posizioni su posizioni nel mercato editoriale. E per avvantaggiarsi ulteriormente ha iniziato a mimetizzarsi, mostrando di potere competere con il libro cartaceo proprio sul suo terreno. Ne è un esempio l’ultima trovata di Jeff Bezos, sì, quell’uomo geniale che da un semplice magazzino di Seattle ha inventato una delle più grandi aziende di tutti i tempi e che da poco ha aperto il suo portafoglio personale (e non quello di Amazon) per comprasi niente meno che il Washington Post. Per allargare il proprio mercato di lettori e per spingere ulteriormente la […]

  

Il Blog di Pier Francesco Borgia © 2017