Gli snob sono andati al bar

Partiamo subito dalla notizia: il gestore di un bar di Viareggio ha deciso di rinunciare alle slot machine e al loro posto ha piazzato un paio di piccole librerie. L’idea di per sé è degna di plauso. Ma fino a un certo punto. E’ vero che è dai piccoli gesti individuali che si può creare un movimento virtuoso, ed è altrettanto vero che, stando a una ricerca effettuata l’anno passato da Sistema Gioco Italia e citata nell’articolo de IlLibraio.it sul bar di Viareggio, sono 790mila gli italiani a rischio ludopatia. Però il trionfalismo con cui il web (in generale) e […]

  

Robert Redford e la pubblicità progresso sulla lettura

Avete presente Robert Redford in quel film di Sidney Pollack? Quel film dove il bel biondino ancora trentenne veste jeans e cravatta sotto il maglione di lana grezza e lavora per un oscuro ufficio dietro il quale si nasconde uno dei tanti servizi della Cia? Già, aveva anche un nome in codice. Anche se non lo usava mai. E quel nome era Condor. Avete indovinato! Stiamo parlando de I tre giorni del Condor. Perché qui? Perché in un blog che parla di libri? Semplice! Perché quel film, oltre a essere un thriller mozzafiato, così ben curato, scritto, montato, recitato da […]

  

E’ il momento di rinforzare le “scorte” per l’estate

Sfruttiamo anche questo blog per un’informazione di servizio che farà – ne siamo certi – la felicità dei lettori. Dal 22 al 26 maggio torna “Via col venti!” in tutta la penisola. Su centinaia di migliaia di titoli sarà applicato uno sconto del 20%. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con i librai indipendenti, le catene, le librerie online, la grande distribuzione e Poste Italiane per «festeggiare» in modo eccezionale Il Maggio dei Libri e far crescere, anche così, la lettura in Italia, dove – come sappiamo dall’ultima indagine dell’Istat – il 57% della popolazione non legge. Per cinque giorni […]

  

Il selfie del virtuoso che regala libri

Un paio di lustri fa andava di moda il  bookcrossing: quella pratica virtuosa e solidale di lasciare in un posto pubblico un libro appena letto. Con la speranza che il libro medesimo venisse raccolto e letto da qualche passante incuriosito. Un modo – si diceva allora – di veicolare cultura, idee forti. Un modo di trasmettere saggezza e valori. Purtroppo questa moda (come tutte le mode) ha perso lo smalto della novità e si è persa nel dimenticatoio collettivo. D’altronde, anche se oggi qualcuno la riproponesse sarebbe solo un gesto isolato che non porterebbe molto lontano. Al massimo farebbe la […]

  

Milano batte Roma, almeno nella lettura

Milano batte Roma. Nel capoluogo lombardo si legge di più che nella Città Eterna. L’ultima rivelazione demoscopica dell’Aie (associazione italiana editori) mostra una netta superiorità dei milanesi in quello che potremmo definire un “vizio” nobile o virtuosa abitudine. Milano è da sempre la città dell’editoria. La capitale dei libri e dei giornali. In questi giorni, poi, con Bookcity sta dimostrando una vitalità sorprendente, anche per chi  considera l’inclinazione meneghina per i libri niente più che un fatto assodato.  I dati dell’Aie parlano chiaro: il 53% della popolazione milanese legge almeno un libro l’anno. Mentre i romani che arrivano alla fine […]

  

Leggere i classici fa bene, lo dicono gli scienziati

Adesso bisognerà trovare almeno un paio di formule che spieghino la stessa cosa ma con un linguaggio semplificato. Una nuova ricerca, condotta negli Stati Uniti, ha stabilito che leggere romanzi di qualità ci aiuta a capire meglio le emozioni altrui e quindi favorisce quelle capacità necessarie per instaurare relazioni sociali complesse. Sull’ultimo numero della rivista Science è uscito un resoconto dettagliato della ricerca, condotta alla New School for social Research di New York da un ricercatore italiano, Emanuele Castano. Le agenzie di stampa hanno quindi rilanciato in tutto il mondo la notizia che adesso si trova sui siti e sui […]

  

Libri per l’estate? E i ragazzi citano Melville: “preferirei di no”

La scena dovete immaginarvela più o meno così: uno di quegli squallidi saloni di rappresentanza (si fa per dire) di un maestoso palazzo ministeriale (anche sul maestoso… be’… lasciamo perdere). Pomeriggio di fine luglio. Condizionatori funzionanti ma molto rumorosi che riescono a coprire anche il rumore delle sedie mosse sul linoleum. Attorno a un tavolo di formica (“pensavamo fossero estinti”, qualcuno più spiritoso di altri ha sussurrato provando a rompere il ghiaccio) rappresentanti del ministero e degli editori. Sul suddetto tavolo copie di un’inchiesta appena stampata.  Gli studenti, secondo i dati raccolti da Skuola.net,  non hanno intenzione di leggere i […]

  

Il Blog di Pier Francesco Borgia © 2019