Calcio storico Fiorentino 2017

L’unico calcio storico che sarebbe bello vedere adesso è quello nel sedere del sindaco di Firenze, Dario Nardella. Non solo incapace di amministrare la città sotto gli aspetti della pulizia, della sicurezza, delle tasse e della viabilità, ma anche inadatto a gestire e salvaguardare le tradizioni di Firenze. Forse perché è di Torre del Greco.

Quella del Calcio storico, è una di queste. Oggi è andato in scena, l’ultimo, ennesimo, vergognoso, sconcertante spettacolo. Partita sospesa dopo 25 minuti per risse. Azzurri contro Bianchi, tre espulsioni, uno dei quali non abbandona il terreno di gioco nonostante lo speaker lo richiami a lasciare il sabbione. I calcianti bianchi protestano per la mancata uscita dal campo. Il calciante azzurro resta in campo e così gli animi si infuocano. Ne fanno le spese non soltanto i calcianti, che cominciano a scazzottarsi come forsennati, ma anche tre arbitri, colpiti al volto e alle gambe. Entrano in campo decine di poliziotti in tenuta antisommossa. Il campione della Fiorentina Gabriel Omar Batistuta, presente in tribuna vip, è stata l’unica nota positiva di questa giornata da dimenticare. E questo sarebbe uno spettacolo? Se queste sono tradizioni storiche di Firenze allora meglio sotterrarle per sempre sotto il sabbione di Santa Croce.

Calcio storico Fiorentino 2017

In fondo basta vedere chi sono i calcianti: le foto parlano da sole. Nella maggioranza dei casi pregiudicati, ex carcerati, energumeni con facce da delinquenti. Firenze non si merita uno scempio del genere, Piazza Santa Croce non può essere sfregiata così. Vorrei sapere chi si diverte ancora nel vedere uomini massacrarsi di botte senza alcun senso. Perché questa è la sola e unica regola in vigore.

Calcio storico Fiorentino 2017

Una tradizione che risale alla seconda metà del Quattrocento, quando i calcianti che scendevano in campo erano perlopiù nobili (anche futuri Papi) dai 18 a i 45 anni e vestivano le sfarzose livree dell’epoca, che diedero poi il nome a questo sport.

Calcio storico Fiorentino 2017

Tra i personaggi più illustri si ricordano personaggi come Piero II de’ Medici, figlio di Lorenzo il Magnifico, Lorenzo II de’ Medici, duca d’Urbino, Alessandro de’ Medici, duca di Toscana, Cosimo I de’ Medici, granduca di Toscana, Francesco I de’ Medici, granduca di Toscana, Vincenzo Gonzaga, duca di Mantova, Cosimo II de’ Medici, granduca di Toscana, Lorenzo e Francesco, figli del granduca Ferdinando I de’ Medici, Enrico, principe di Condé, Giovan Carlo e Mattia, figli del granduca Cosimo II, Giulio de’ Medici, Papa Clemente VII, Alessandro de’ Medici, Papa Leone XI, Maffeo Barberini, Papa Urbano VIII.

Calcio storico Fiorentino 2017

Insomma nobili e Papi, non delinquenti e pregiudicati.

Nel 1700 il gioco scomparse per due secoli, riesumato da un gerarca fascista. Da allora si è sempre più o meno tenuto, a parte il periodo bellico, o per motivi come quello di oggi.

Calcio storico Fiorentino 2017

L’Anno Domini 2017 è l’anno della verità. O cambia tutto o il Calcio storico meglio si trasformi in memoria storica. O il sindaco riesce a fare il sindaco e impone regole certe al gioco, che sia davvero una festa per Firenze, una rievocazione storica, con calcianti degni di questo nome e non raccattati tra le celle di Sollicciano, oppure prima di dimettersi, cancelli per sempre questa manifestazione.

Calcio storico Fiorentino 2017

Dante Alighieri gliene sarebbe grato e anche tutti i fiorentini perbene.

Tag: , , ,