In Confindustria Firenze c’è puzza di bruciato. Il presidente dei giovani imprenditori, eletto un anno fa (fino al 2016), Gabriele Brotini (nella foto), è stato vittima di un agguato da parte dei provibiri (i “garanti”) di Confindustria nazionale che lo hanno fatto decadere “con effetto immediato”. Un caso più unico che raro. La miccia è stata accesa dopo che si è liberata la poltrona a presidente toscano dei giovani di Confindustria dato che Giacomo Gellini è stato chiamato a Roma come vicepresidente nazionale. Lo scontro è sorto tre settimane fa quando il consiglio direttivo dei giovani fiorentini di Confindustria aveva sollecitato Brotini, vicino […]