Tutto bene. Ma non c’è molto da esultare

Matteo Renzi arriva al QuirianaleCS SALVINIREFERENDUM COSTITUZIONALE 2016

Ok, ha vinto il No. Festeggiamo questa Renxit. Stappiamo Cristal ed esultiamo. Del resto è quello che volevamo no? Lasciamoci andare pure a un bel gesto dell’ombrello liberatorio verso tutti questi loschi figuri che hanno ammorbato le nostre menti per tre anni e che ora volevano farci firmare una Costituzione riscritta (male) a loro vantaggio. Una Carta che ribaltava le nostre regole senza migliorarle. Quindi gongoliamo pure, abbiamo vinto. E’ vero. Ma riflettiamo un pochino anche. Che cosa abbiamo veramente vinto? E chi ha vinto esattamente? Sebbene mi sforzi di crederlo, non siamo messi poi così bene. E parlo in […]

  

Il governo dei miracolati

Tralasciando quelli del Nuovo centrodestra, di Udc e di Scelta Civica che contano quanto il due di picche quando briscola è fiori, quasi tutti gli altri membri del governo Renzi sono dei miracolati. Iniziamo dalla notizia del giorno. La più miracolata di tutti è senza dubbio la quarantunenne, Federica Mogherini (nella foto), solo da pochi mesi a capo della Farnesina, nominata ora come Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea. Ma chi è sta Mogherini, fino ad oggi una perfetta sconosciuta nell’universo? Chi ha fatto nominare Matteo Renzi a capo della diplomazia europea, in pieno semestre di presidenza italiana? […]

  

Franceschini, il vicedisastro promosso a disastro

Correva l’anno 2014. Il 14 febbraio Letta si dimette, dopo appena 292 giorni di governo. Il 21 febbraio nasce il governo Renzi. Giorni dopo, a Ballarò, Renzi cerca di pulirsi la coscienza: “Ce l’ha chiesto il Pd e gli alleati, io avrei preferito altro. Io so com’è andata e non solo io. Ma il tempo è galantuomo”. Su questo aveva ragione: lui non è stato l’unico “Giuda” che ha tradito Letta. Il primo della lista è Dario Franceschini (nella foto), per questo l’ha scelto come ministro per i Beni culturali. Aveva detto basta ai politici di professione e di lungo […]

  

Il blog di Fabrizio Boschi © 2019