Quel Lingotto che non ti aspetti

IMG_0343IMG_0278IMG_0388IMG_0368IMG_0339IMG_0305

Che poi uno si chiede chi sia quel soggetto che sogna di farsi un selfie con Lorenzo Guerini, ex sindaco di Lodi. Forse è stato scambiato per Lorenzo “Jovanotti”, altrimenti qual è il senso? Ma tant’è. Questa è solo una delle tante scene curiose che sono rimaste impresse del Lingotto di Torino del 10-12 marzo. Solo le immagini sono rimaste, le parole solo volate via al vento, vuote come le idee espresse sul palco. Politicamente inutile, socialmente inconsistente, ma giornalisticamente interessante. Una lunga passerella di volti Pd che hanno approfittato per dare sfoggio della loro spocchia. Leggi De Luca, Nardella, Serracchiani […]

  

Lotti perde la delega alla pizza

CONFERENZA STAMPA SULLE CELEBRAZIONI PER L'ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE

Matteo Renzi va pazzo per la pizza, si da quando la mangiava alla pizzeria Far West di Pontassieve. Ora che è diventato importante se la fa fare dalla pizzeria da Sabatino, a pochi passi da piazza di Monte Citorio. Al premier prende sempre e solo la Margherita, con molto basilico. La trasmissione radio “Un giorno da pecora” ha dunque chiamato la proprietaria e gli ha chiesto: “Viene lui a ritirare la pizza o se la fa ritirare da qualcuno?” Risposta: “Le prime volte veniva sempre Luca Lotti, adesso l’autista”. Ecco appunto. Svelato l’unico e vero motivo per cui Lotti è a Palazzo Chigi. Venuto giù […]

  

Questi non sono Charlie. Sono l’Italia peggiore

François Hollande a braccetto con il premier di una Turchia che si è ben guardata dal fermare la fidanzata di Amedy Coulibaly, autore della strage di quattro ostaggi ebrei nel negozio Kosher, in fuga verso la Siria e altri 1.300 jihadisti francesi. Al fianco del presidente socialista pure il fratello dell’emiro del Qatar, uno degli Stati che insieme all’Arabia Saudita (amica degli americani) finanzia l’Isis e i principali gruppi jihadisti siriani. Marine Le Pen bandita assieme al 25% dei francesi che la vota. Una finta marcia della pace, insomma, finita con litigi e veleni per l’assenza del presidente Barack Obama e […]

  

Sofri jr, spingitore di giornalisti

Come fanno i giornalisti a scrivere? Ci sono forse degli spingitori di giornalisti? Un po’ per dirla alla Corrado Guzzanti in arte Vulvia. “Io mi chiamo Luca Sofri, ho 47 anni, e faccio il direttore del Post: è un giornale online e ha due anni. Ve ne parlo brevemente perché in questi due anni è stato per noi uno straordinario luogo di sperimentazione e ricerca sui funzionamenti dell’informazione e della rete, e sul rapporto con i lettori”. Lo ha detto fiero di sé per il suo keynote speech al Festival del Giornalismo di Perugia in un incontro incentrato tutto su di lui, dal titolo […]

  

Il blog di Fabrizio Boschi © 2019