Questi non sono Charlie. Sono l’Italia peggiore

François Hollande a braccetto con il premier di una Turchia che si è ben guardata dal fermare la fidanzata di Amedy Coulibaly, autore della strage di quattro ostaggi ebrei nel negozio Kosher, in fuga verso la Siria e altri 1.300 jihadisti francesi. Al fianco del presidente socialista pure il fratello dell’emiro del Qatar, uno degli Stati che insieme all’Arabia Saudita (amica degli americani) finanzia l’Isis e i principali gruppi jihadisti siriani. Marine Le Pen bandita assieme al 25% dei francesi che la vota. Una finta marcia della pace, insomma, finita con litigi e veleni per l’assenza del presidente Barack Obama e […]

  

Renzi, the supercazzol prematurated with dehating to the right as could be antani

Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere. Ma possibile che non ci sia un politico italiano che sappia l’inglese? Negli ultimi anni (senza andare indietro ai tempi della Dc, del Psi o del Pci, quando invece l’inglese lo sapevano e se non lo sapevano lo studiavano), a parte Enrico Letta e Mario Monti, ci sono stati esempi illustri di figure cacine da parte dei politici o, peggio, dei presidenti del Consiglio. Come non ricordare il sindaco di Roma (poi ministro della Cultura), Francesco Rutelli, in quel memorabile spot all’Italia, Pliz visit itali and visit de uebsait nel […]

  

Guai a toccare le Renzi’s girls

L’avvento di Matteo Renzi (nella foto) ha sfornato una nuova categoria di giornalisti: i renzologi. Ne spuntano come funghi in autunno. Mentre quelli che scrivono o parlano bene di Berlusconi vengono definiti servi, quelli che scrivono o parlano bene di Renzi vengono chiamati renzologi. I giornali remano quasi tutti verso Rignano sull’Arno. Articoli grondanti di saliva per incensare le gesta di Matteo il Grande. Aggettivi a bizzeffe: decisionista, affamato, miracoloso, veloce, spiazzante, capace, irriverente, ha fame di successo, non parla, ma azzanna e sorride, non bleffa, ma ha il gusto dell’azzardo, ha fame di successo, ma soprattutto ha coraggio. E […]

  

Il blog di Fabrizio Boschi © 2019