Da noi non può succedere

IMG_0311US PRESIDENTIAL INAUGURATION

Accolgo l’insediamento del nuovo presidente Trump iniziando a leggere questo libro Da noi non può succedere di Sinclair Lewis che mi era stato consigliato un po’ di tempo fa. Ma che, puntualmente, avevo messo da parte. Una grande narrazione sulla fragilità della democrazia moderna, una previsione allarmante e sinistra. La cosa interessante è che è stato scritto negli anni Trenta e pubblicato nel 1935, durante la Grande Depressione, quando gli Usa poco si curavano dell’aggressività di Hitler. “Da noi non può succedere”, diceva la gente. In questo libro Lewis unisce una visione satirica della politica allo spaventoso e possibile avvento […]

  

La Boldrini si vergogna della polizia

Roma, seminario presso il Csm "Giurisdizione e protezione internazionale"

Inqualificabile Boldrini. In occasione della visita istituzionale in Abruzzo di sabato 24 settembre alle 18,30, la presidenta della Camera ha diramato un ordine piuttosto singolare di “rendere discreta” la presenza delle forze dell’ordine chiamate dalla questura dell’Aquila a prestare il servizio, che avrebbero dovuto rendersi invisibili ai suoi dolci occhi per non creare imbarazzo. La vicenda è stata resa nota grazie a una lettera al questore da parte del sindacato di polizia Siulp che, oltre a stigmatizzare l’accaduto, ha riferito l’imbarazzo per le condizioni lavorative e l’offesa per quanti hanno prestato servizio. E ora il sindacato annuncia una imponente manifestazione di protesta. […]

  

Renzi Kim Jong-un: un paese a democrazia sospesa

++ Renzi, naturale governo con chi crea lavoro ++

Il presidente del Pd siciliano è stato cacciato dai renziani del Pd di Renzi, o meglio dagli uomini di Renzi, perché è andato a casa di Berlusconi. E quando ci andava Renzi? Il caso risale a febbraio. Marco Zambuto, presidente del Pd siciliano, viene di fatto obbligato alle dimissioni perché è stato a Palazzo Grazioli, nella residenza romana di Silvio Berlusconi, dove avrebbe concordato le discusse primarie unitarie di Agrigento. Quelle organizzate insieme, dal Pd e da Forza Italia, nelle scorse settimane e che hanno visto vincere Silvio Alessi, il candidato appoggiato anche, esplicitamente, da Forza Italia. Il segretario dem di Agrigento Peppe Zambito […]

  

La mattarellata su Berlusconi

Chissà cosa si credeva di ottenere Berlusconi dal patto con Renzi. Chissà che cosa si era messo in testa. Chissà come mai quel giovanotto di Firenze gli aveva ispirato così tanta fiducia. Chissà perché, lui che si crede un fine statista, si sia fatto infinocchiare così dalle balle a ripetizione di Matteo. E chissà perché mentre tutti dicono che Renzi è un bugiardo, inaffidabile, arrivista, al Cavaliere questa voce non sia mai giunta all’orecchio. Chissà poi perché aveva riposto affidamento sul già traditore Alfano (quello del quid), al governo con Renzi, col quale aveva paventato addirittura un riavvicinamento. E chissà […]

  

Benigni presidente della Repubblica

Sì vabbè. Nel 1983 era tutta un’altra cosa. Roberto Benigni è un camaleonte. Cambia insieme al tempo nel quale vive. Oggi, a 62 anni, è così come lo abbiamo visto nelle due serate de “I Dieci Comandamenti”. Una delle cose più belle che la Rai abbia mai saputo mandare in onda negli ultimi 50 anni. Ovvero quasi da quando esiste la tv di Stato. I migliori due milioni e 600mila euro che abbia mai speso. Una bomba di emozioni fortissime e un interprete sublime, degno di un Oscar. Solo uno che ha saputo scrivere e interpretare un capolavoro come “La […]

  

Il blog di Fabrizio Boschi © 2019