Boldrini, venga a vedere come fa vivere i suoi amati immigrati

IMG_6195 - CopiaIMG_6190 - CopiaIMG_6193 - CopiaIMG_6194 - Copia

Laura Boldrini dice da Myrta Merlino a “L’aria che tira” che “odia l’odio”. Qualche giorno fa Gino Strada ha dato dello “sbirro” a Minniti. E la prima cosa che ha detto la nuova Miss Italia Alice Rachele Arlanch è che “vorrebbe salvare gli ultimi”. Meno male che non ha aggiunto che vorrebbe anche la pace nel mondo. E’ il desolante quadretto di un buonismo stucchevole al quale ci hanno abituato i nostri politici. Gli altri due non so, ma almeno la Boldrini andrebbe invitata a Milano, dove ieri la polizia ha fatto un blitz davanti alla stazione Centrale controllando sessanta immigrati. […]

  

Nardella sette mesi dopo, otto bischerate

Il 26 maggio Dario Nardella ottiene il 59,15% dei voti diventando così ufficialmente sindaco di Firenze. Appena sette mesi dopo le figuracce e i fallimenti della giunta Nardella riempiono già un intero bloc notes. Il paggetto di Matteo Renzi ha inanellato un insuccesso dietro l’altro. Lo slogan di Nardella quando correva per diventare sindaco era «Firenze, più di prima». Forse voleva dire, «Firenze, peggio di prima». Iniziamo con San Lorenzo, quartiere storico di Firenze a due passi dal Duomo. I residenti sono infuriati col sindaco per come non ha saputo gestire il problema dei rifiuti nella storica piazza del Mercato […]

  

Benvenuti a latrina Santa Maria Novella

Ultima fermata Santa Maria Novella. L’ingresso di Firenze. Il biglietto da visita della culla del Rinascimento ridotto come Beirut dopo le bombe. La bella canzone di Pupo è un lontano ricordo. Appena un turista arriva (o parte) deve passare per forza con le valigie su una striscia di porfido attraverso una coltre di polvere. Tutto intorno terra battuta. I viaggiatori che vanno verso lo scalo ferroviario trovano dune invece del prato verde, lamiere divelte, il bicipark incompiuto. La ditta che ci lavorava è fallita e i lavori, finanziati dal Cipe per 27 milioni di euro, sono fermi. Non c’è una […]

  

Il blog di Fabrizio Boschi © 2019