Firenze e il ramo maledetto.

Un po’ di egoismo, e forse la saturazione che mi attanaglia alla fine di una giornata in cui tipicamente mi occupo del malessere delle altre persone, mi portano spesso ad evitare i telegiornali serali. Preferisco cenare ascoltando un po’ di musica se i bimbi sono già a letto. Ma le cattive notizie arrivano sempre: ci pensano i miei pazienti, ogni giorno, uno più pettegolo dell’altro: “Dottore, ha sentito cosa è successo a Firenze?” “No”. “Ma Dottore, Lei vive fuori dal mondo. Aspetti che le racconto…”. Il pugno allo stomaco si fa sentire immediatamente: due persone morte a causa di un […]

  

Perchè Bossetti non può vedere i figli?

Alzi la mano chi non ha provato, almeno per un istante, a mettersi nei panni dei figli di Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore di Mapello in carcere da quasi un mese con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio. Il più piccolo 8, il più grande 13, quello in mezzo 10 anni. E’ passato quasi un mese dal 16 giugno. Quella sera il papà non è tornato a casa dal lavoro, l’hanno prelevato dal cantiere. E per quanto la mamma e gli altri parenti stiano facendo i salti mortali per proteggere queste creature dalla notizia, dubito che i tre ne siano all’oscuro. […]

  

Il Brasile e l’inno tedesco al sadismo

Questo è il Mondiale della tristezza. Tristezza italiana, spagnola, inglese. La tristezza che, normalmente, accompagna le diverse fasi eliminatorie di un Campionato del Mondo, questa volta pare essere il motivo psicologico principale, che la televisione ed i giornali ci cantano insistentemente. Da stamane anche una nuova Nazione si è svegliata più triste: i suoi abitanti hanno aperto gli occhi sperando di chiudere l’incubo notturno. Non è stato un incubo, anche se in un certo senso lo è stato. Il lutto brasiliano rimbalza su tutti i media del mondo, ricordandoci quanto un popolo può soffrire e piangere amaro: avevano una speranza appesa […]

  

il blog di Daniel Bulla © 2018