Per chi non lo sapesse, smart è un termine inglese dagli svariati significati. Ma tutti noi lo associamo a qualcosa di elettronico, di complesso: in una parola, di intelligente.

Come la nostra TV, il frigo, l’orologio, il telefono.

E non vuoi che la scienza trovi il modo di proporti anche il pene smart?

No, tranquilli, non ho digitato male: non volevo dire pino smart, e nemmeno pane, pero, pila, palo, pala. Volevo proprio dire pene.

Eh si, arriva proprio lui, il pene smart. Ma cosa significa in questo caso smart? Piccolo, come la macchina? Veloce come il processore del telefonino? No cari fobici, non temete, nulla che possa ricordarci le nostre più recondite e dimensionali paure maschili. Lo smart penis è il pene che diventa intelligente.

E’ un anello da mettere proprio lì dove immaginate vada messo. Si chiama Lovely, arriva da San Francisco, e non si limita solo a vibrare. E non è nemmeno una riproposizione moderna di qualche sex toy tedesco anni ’70. Questo anello ha dei sensori. E questi sensori inviano i dati ad una app sul nostro smartphone. E questi dati ci permettono di monitorare le nostre performance sessuali, mandandoci consigli su come migliorare le prestazioni la prossima volta, quante calorie abbiamo bruciato, ecc. lovely

Il costruttore di Lovely suggerisce che l’anello in silicone migliora anche l’erezione, impedendo al sangue di defluire. Altro che Masters & Johnson, altro che sessuologia clinica.

Ma non è finita, signore e signori. L’app che accompagna Lovely vi permetterà di chiamare ed inviare messaggi di testo al vostro partner.

Come questo:

“Hi Greg! You did great last time and it seems that Ann really enjoys that sixtynine! Here are some suggestions for more…”

E, se l’atmosfera migliora, potrete inviare alla vostra dolce metà una sorta di…chiamata d’emergenza, tipo quelle proiettate nei cieli di Gotham City. Vieni subito qui Batman, c’è bisogno del tuo aiuto.

L’applicazione ha anche altre funzioni?

Certamente.

Analizzando i vostri dati, vi invia un report con dei suggerimenti per migliorare la vostra tecnica, in quale posizione avete raggiunto i migliori risultati (?), qual’è stata la velocità massima raggiunta, il rapporto più lungo, il numero dei movimenti, e tanto altro.

Più o meno come l’applicazione che uso quando vado a correre. Che, tra l’altro, mi permette anche di vedere dove sono e cosa fanno i miei amici, come sta andando la loro performance, in che posizione mi trovo io rispetto a loro, ecc. Ah, e la mia app ha anche una voce femminile che mi incita durante tutto l’allenamento.

Spero di non aver suggerito ad Apple o a Google qualche strana idea.

Tag: , , , ,