Avvolti nella nebbia: religione, conquista e running.

Se non l’avete ancora fatto, leggetevi “L’azteco” di Gary Jennings, giornalista e scrittore statunitense scomparso nel 1999. Ma soprattutto grande studioso della civilità azteca. Nel romanzo meraviglioso, scorrevole, avvincente e indimenticabile datato 1980, Jennings racconta la storia di un azteco, Mixtli e dell’incontro con la civilità (si fa per dire) spagnola che, in quel periodo, conquista a suon di stermini il popolo mexica, distruggendo Tenochtitlàn, l’antica Città del Messico, e annientando nel nome della cristianità secoli di tradizioni locali, religione compresa. Attuale, no?  Tlilectic Mixli, il cui nome significava letteralmente nuvola scura, aveva anche un soprannome legato ai suoi problemi […]

  

Firenze e il ramo maledetto.

Un po’ di egoismo, e forse la saturazione che mi attanaglia alla fine di una giornata in cui tipicamente mi occupo del malessere delle altre persone, mi portano spesso ad evitare i telegiornali serali. Preferisco cenare ascoltando un po’ di musica se i bimbi sono già a letto. Ma le cattive notizie arrivano sempre: ci pensano i miei pazienti, ogni giorno, uno più pettegolo dell’altro: “Dottore, ha sentito cosa è successo a Firenze?” “No”. “Ma Dottore, Lei vive fuori dal mondo. Aspetti che le racconto…”. Il pugno allo stomaco si fa sentire immediatamente: due persone morte a causa di un […]

  

Wojtyla e la croce insanguinata

Brescia, 25 aprile 2014. Una splendida giornata di sole. La primavera sta esplodendo, con i suoi colori e odori, e investe allegramente  il mio piccolo borgo della Bassa e la sua Festa della Liberazione, fatta di cori dei Bersaglieri urlati da un gracchiante registratore davanti alla sede dei Combattenti, fianco Poste. I tricolori quest’anno, a pochi giorni dalle Comunali, sono davvero ovunque, e riempiono vie e piazze di quel calore nazionale che, un tempo, segnava l’avvicinarsi della gita scolastica di fine anno (e quindi anche il termine della scuola). La mia corteccia fotografa tutte queste immagini in movimento, mentre pedalo […]

  

La suora incinta e la sfortuna

Brescia, 17 gennaio 2014. Normalmente non sono particolarmente superstizioso, e il venerdì 17 mi lascia indifferente. Al massimo mi scappa una battuta al paziente che si becca la seduta delle 17.00, e ci facciamo entrambi una risata. Ma oggi, dopo il viaggio allucinante Milano – Brescia mi potrei ricredere: acqua a catinelle, uscita per la A4 chiusa, deviazione verso Carugate, barriera di Agrate bloccata, telepass non letto (decine di clacson rivolti alla mia macchina), autogrill con parcheggio pieno… Sono arrivato in studio a Brescia alle 15.00, dopo due ore e un quarto di viaggio, con la faccia allucinata e poco […]

  

il blog di Daniel Bulla © 2018