Milano, 23 ottobre 2013. Ultimamente il mercoledì piovoso è un classico. Da sempre adoro la pioggia, indipendentemente dalla situazione in cui mi trovo: in macchina, in studio, a casa, a piedi. Unica eccezione: la tangenziale di Milano.   Emma è riuscita a non affogare nonostante il diluvio, naufragando nel mio studio più in ritardo di me. Bella giornata per iniziare la psicoterapia, avrà di certo pensato. Non passano cinque minuti, quando comincia a piovere anche sul volto di Emma. Lacrime. Tra un singhiozzo e l’altro mi racconta: la laurea in ingegneria, i problemi col padre, i problemi con la madre, […]