Correre: roba da psicopatici.

p1564604737-4

Milano, Università IULM. Scale mobili. Ho appena terminato la prima delle lezioni di un seminario che ogni anno tengo sulla comunicazione. Scendo dal terzo piano, su queste scale mobili intasate di studenti. Alla mia sinistra il grande finestrone d’ingresso. Mi fa sempre un po’ impressione questo androne, e mi chiedo se fa lo stesso effetto anche agli altri. Sono le 16.30 di un grigio lunedì milanese, e la nebbia inizia già a calare. Chissà che traffico, penso immaginando le code che da queste parti si formano con un tempo del genere. La mia giornata non è ancora finita: dovrò arrivare […]

  

Avvolti nella nebbia: religione, conquista e running.

Se non l’avete ancora fatto, leggetevi “L’azteco” di Gary Jennings, giornalista e scrittore statunitense scomparso nel 1999. Ma soprattutto grande studioso della civilità azteca. Nel romanzo meraviglioso, scorrevole, avvincente e indimenticabile datato 1980, Jennings racconta la storia di un azteco, Mixtli e dell’incontro con la civilità (si fa per dire) spagnola che, in quel periodo, conquista a suon di stermini il popolo mexica, distruggendo Tenochtitlàn, l’antica Città del Messico, e annientando nel nome della cristianità secoli di tradizioni locali, religione compresa. Attuale, no?  Tlilectic Mixli, il cui nome significava letteralmente nuvola scura, aveva anche un soprannome legato ai suoi problemi […]

  

il blog di Daniel Bulla © 2019