Ammalarsi con Google

Brescia, 4 novembre 2013. La mia settimana inizia subito con una spia rossa. Il punto esclamativo sul cruscotto indica che le pastiglie dei freni sono esaurite: è necessario sostituirle immediatamente, proclama il computer di bordo ogni volta che salgo in macchina. Ormai ho imparato a conoscerlo, il mio computer. Sempre draconiano e perentorio, ma alla fine esagerato. Ogni volta è un piacere abbindolarlo fregandomene della sua ansia. L’olio è finito? Settimana prossima. Il tagliando è da fare urgentemente? Settimana prossima. Per ora mi è sempre andata bene, ma il punto esclamativo rosso (lo stesso del freno a mano per intenderci) […]

  

Psicofarmaci? No, grazie.

Milano, 23 ottobre 2013. Ultimamente il mercoledì piovoso è un classico. Da sempre adoro la pioggia, indipendentemente dalla situazione in cui mi trovo: in macchina, in studio, a casa, a piedi. Unica eccezione: la tangenziale di Milano.   Emma è riuscita a non affogare nonostante il diluvio, naufragando nel mio studio più in ritardo di me. Bella giornata per iniziare la psicoterapia, avrà di certo pensato. Non passano cinque minuti, quando comincia a piovere anche sul volto di Emma. Lacrime. Tra un singhiozzo e l’altro mi racconta: la laurea in ingegneria, i problemi col padre, i problemi con la madre, […]

  

Balotelli, che carattere!

Brescia, 14 ottobre 2013, durante un grigio e fiacco lunedì. E’ finita da poco la mia pausa pranzo, e mentre aspetto il chirurgo guardo il parcheggio di sotto, dalla mia finestra al quinto piano. Il chirurgo è un mio paziente, un medico che lavora in un ospedale bresciano. Non è solo un chirurgo, ma io amo chiamarlo in questo modo per via del suo stile comunicativo. Parlare con lui è un po’ come ballare con una donna che impugna un bisturi: se non stai attento ti fai male. Dopo la pubblicazione di “Pornodivi grazie!”, che ha avuto riscontri positivi oltre […]

  

il blog di Daniel Bulla © 2019