No alla Turchia nell’UE

Non so quanti italiani sappiano che a Bruxelles sono in corso da ben sette anni negoziati per l’adesione della Turchia all’Unione Europea. Questi negoziati si sono incagliati, per nostra fortuna, su alcuni punti e non stanno facendo progressi, ma a mio avviso dovrebbero essere addirittura interrotti, perché la Turchia di oggi non ha più nulla a che fare con noi.  Nei dodici anni di governo da parte di Erdogan e del suo partito AKP, a suo tempo definito “islamico moderato”, il Paese si è progressivamente allontanato culturalmente e politicamente dall’Europa e ha assunto caratteristiche inaccettabili.  Erdogan, per undici anni primo ministro e […]

  

Immigrati: una possibile soluzione

Non facciamoci illusioni: Mare nostrum o operazione Triton, l’invasione di immigrati dalle coste nordafricane è destinata a continuare, e se in questi ultimi giorni è un po’ rallentata, è solo per le pessime condizioni del mare nel canale di Sicilia. E’ destinata a continuare per una serie di ragioni che sono al di fuori del nostro controllo. Primo, l’Africa, pur essendo cresciuta nel 2014 più degli altri continenti, rimarrà ancora per lungo tempo il più povero e il peggio governato, spingendo i suoi giovani a tentare la pur incerta avventura europea. Chiunque abbia visitato Paesi come il Burkhina Faso, il Sudan o l’Eritrea se […]

  

Ce la farà Renzi a salvare l’Italia?

E’ diventata quasi un’ossessione: con chiunque tu parli di politica, italiano o straniero che sia (e includo nella lista anche alcuni autorevoli colleghi) finisce con il porti la domanda del giorno: “Ce la farà Renzi a salvare l’Italia?”. Naturalmente, i miei interlocutori hanno anche le loro opinioni sul personaggio, che vanno da quella di Piero Ostellino (“un ragazzotto che ci sa fare con le parole”) a quella di un mio caro amico, che ha chiesto di non nominarlo, il quale ritiene che l’ex sindaco di Firenze possdiventare il salvatore della patria. A giudicare dai sondaggi, molti italiani tendono a condividere […]

  

una visione distorta

Federica Mogherini ha cominciato il suo nuovo prestigioso lavoro da Lady Pesc con il piede sbagliato. Ha compiuto la solita rituale, visita a israeliani e palestinesi, promettendo un rinnovato impegno dell’Europa per risolvere il problema e ripetendo quello che io considero un programma inattuabile, uno slogan ripetuto mille volte da altrettanti politici senza alcun risultato e in questo momenti addirittura utopistico: due popoli e due Stati che vivono in pace e armonia l’uno accanto all’altro. Come uno studente che, come primo compito, si propone la quadratura del cerchio, la Mogherini è invece andata a impegnare il già scarso prestigio della UE […]

  

attenzione, il nemico è tra noi

So di essere, da sempre, politicamente scorretto, ma  sono un convinto seguace nella teoria dello “Scontro di civiltà” illustrata per primo, ancora nel secolo scorso, da Samuel Huntington. Sono convinto, cioè, che stiamo assistendo a un nuovo capitolo di quella guerra tra Islam e Cristianità che, a ben guardare, dura da quindici secoli, passando attraverso le battaglie di Poitiers, di Lepanto, di Vienna e molte altre meno conosciute. E’ uno scontro di civiltà, perché basato su due diverse e sostanzialmente incompatibili concezioni della società, dello Stato e perfino del vivere quotidiano. Ma, sia pure a intermittenza, è anche uno scontro armato, che proprio in questo […]

  

Un insulto? No, un complimento

Quando i sindacati non sanno più come reagire agli attacchi di Renzi, lo accusano di essere la “nuova Thatcher”, il primo ministro inglese che dopo un memorabile scontro con i minatori durato 14 mesi ridimensionò per sempre il potere delle Trade Unions. Non solo la signora di ferro arrivò a chiudere le miniere di  carbone che non erano più redditizie, ma introducendo la regola che nessuno sciopero poteva essere proclamato senza il consenso degli iscritti – espresso con voto segreto – ridusse drasticamente il numero delle astensioni dal lavoro. La burocrazia sindacale, fino a quel momento onnipotente, fu praticamengte esautorata. Nello […]

  

il blog di Livio Caputo © 2018