Come Simoncelli nel giorno di Simoncelli. Al Sic-Day il fottuto destino ha portato via Romboni. R.I.P. Doriano

E’ morto Doriano Romboni. E’ morto come il Sic. E’ morto investito da un altro pilota mentre la sua moto impazzita ritornava in pista. E’ morto che chi l’ha investito dice le stesse disperate cose di Edwards e Valentino in Malesia due anni fa quando finirono addosso al povero Marco, “non l’ho visto, non ho fatto in tempo,  non è possibile…” E’ morto a 44 anni quando i grandi pericoli di una vita di corsa erano e dovevano essere passati. E’ morto a Latina, su un circuito di provincia. E’ morto come il Sic nel giorno del Sic mentre al […]

  

IL COMMENTO… CHE SPACCA!!! Ma allora il disastro Ferrari è TUTTA COLPA di Paperino MASSA…

 – di Dearhealty –  Sono d’accordo su tutto (macchine assurde, Mercedes aiutata, gomme che fanno la classifica ecc. ecc. ma la Ferrari deve anche fare un mea culpa. E non tanto perché non protesti ponendo nel caso degli aut-aut (al momento, nel mondo,  l’Italia e gli Italiani contano come il 2 di briscola , vero Valsecchi ?), ma perché ha tenuto Massa in squadra per 4 anni dopo l’incidente. Se da una parte infatti paragonare piloti su macchine diverse (e magari in epoche diverse) è materia buona per le chiacchiere da bar, non così paragonare piloti che corrono con la stessa […]

  

La Ferrari conta poco in F1! Lo DICONO i fatti. Ma secondo Montezemolo conta tanto. Lo DICE lui. E voi invece che cosa DITE???

Dopo la pernacchia brasilera a Felipe Massa costata, a lui, il prezioso podio dell’addio alla Rossa davanti alla sua gente e, a lei, i punti preziosi del secondo posto nel mondiale costruttori, indi per cui, una decina di milioni di euro persi,   dopo quella pernacchia sotto forma di penalità per aver tagliato la linea bianca, avevamo parlato, sia qui che su il Giornale, della Ferrari che non conta più in F1 o conta molto meno. Diciamo poco. L’altra sera, la persona a cui più di tutte era rivolta l’osservazione, indi per cui il presidente della Ferrari Luca di Montezemolo, […]

  

GP del Brasile – L’ANALISI TECNICA di Enrico Benzing

– di Enrico Benzing – G. P. del Brasile – Le avverse condizioni di Interlagos hanno messo finalmente a nudo la forte ingerenza delle gomme e la vera efficacia d’autotelaio della Ferrari, in questa Formula 1 malata e devastata dalle manipolazioni. Con il senno di poi, sarebbe facile affermare che il Cavallino avrebbe saputo concludere trionfalmente, con una doppietta, il G. P. del Brasile della verità, se avesse potuto azzardare una strategia con partenza in “hard” (vedi risultato di Button, 15° in griglia e 4°all’arrivo) e se i poco obbiettivi commissari (filmati che accusano della stessa infrazione anche altri concorrenti) […]

  

DETTO TRA NOI – Il Gp del Brasile visto da GIAN CARLO MINARDI: “Giudici demenziali. È ora che monsieur Todt intervenga… Quanto a me, che bello vedere sul podio tre piloti passati per Faenza e due, Alonso e Webber, proprio nel team con me”

- di Gian Carlo Minardi – Un bel Gran Premio, caratterizzato da sorpassi emozionanti, è stato rovinato da una decisione demenziale dei commissari, nei confronti di Felipe Massa e Lewis Hamilton. Credo che sia arrivato il momento per la Federazione di prendere dei provvedimenti per ringiovanire e uniformare il collegio che, cambiando gara dopo gara, non garantisce un’uniformità di giudizio. La decisione poi su Hamilton mi ha dato l’impressione di esser presa per riequilibrare le forze in campo. Un brutto doppio errore. Complimenti comunque a Sebastian Vettel e alla Red Bull che hanno vinto tutto e segnato il nuovo record […]

  

In Brasile Vettel suona la nona, Alonso è 3°, i giudici beffano Massa e la Ferrari che ormai non conta più nel Circus. Ma se non altro abbiamo tutti smesso di soffrire

Finalmente il calvario è finito. Bene. Finalmente posso levare tutto di un colpo quel coltello che mi e ci tormentava e infieriva e che qualcuno aveva piantato nella schiena di tutti noi per torturarci e farci soffrire quando questo mondiale ha preso a girare in modo strano, talvolta sospetto, talvolta dandoci la sensazione che fosse etero diretto. Sul tema, ognuno di noi e voi si è fatto, dati e sensazioni e coincidenze alla mano, si è fatto la propria idea. E la mia l’ho espressa più volte. Per cui sapete che non sto solo parlando dei pasticci alla voce  gomme […]

  

In Brasile POLE di Vettel. Alonso 3°, Massa 9°. E intanto ECCLESTONE boccia i motori TURBO: “Un’idea stupida e sciocca”. Già, è vero: guai a creare competizione e show usando i MOTORI nello sport dei motori. Molto meglio playstation, ali mobili, aerodinamica spaziale e gomme chewin gum. Chissà quando la FERRARI e MONTEZEMOLO passeranno dal dire al fare qualcosa?

Nonostante la pioggia battente che ha ritardato il q3, nonostante l’ennesima pole di Vettel, la numero 9, la 45 in carriera, nonostante la Ferrari di Alonso col 3° tempo per pioggia ricevuta sia dopo 14 gare di nuovo in seconda fila, nonostante domani ci sia spazio per sperare nel caso Giove Pluvio restasse in sella al Cavallino, nonostante tutto questo ad avermi colpito più di tutto sono le parole di boss Bernie. Quando, oggi,  candidamente come solo lui – che candido non è –  sa essere, a domanda dei colleghi di Sky “quella dell’anno prossimo è una rivoluzione enorme: crede […]

  

DETTO TRA NOI – Il Gp del Brasile e “il ricordo di quel giorno del 1985 quando debuttò il mio team”

Non è la stessa pista, non è la stessa città, ma è lo stesso Paese, il Brasile, quello che ospitò il primo Gp dell’avventura Minardi in F1. Anno 1985, team debuttante con pilota debuttante, Pier Luigi Martini. Cose che a pensarle adesso fanno nostalgia e rabbia al tempo stesso visto che sarebbero impossibili. C’è anche un video sul sito www.minardi.it con le interviste Rai a Gian Carlo e al suo pilota, interviste a caldo che raccontano, anche quelle, una F1 che non c’è più. C’è persino il grande Clay Regazzoni che racconta di «questo giovane costruttore romagnolo al debutto… Gian […]

  

Gp degli Usa – L’ANALISI TECNICA di Enrico Benzing

- di Enrico Benzing – G. P. degli Stati Uniti – In questa Formula 1 alterata, vien da chiedersi se valga ancora la pena continuare con le analisi delle forze aerodinamiche o degli sforzi di trazione, che rispecchiano configurazioni, potenze e motricità, o se non siano inutili perdite di tempo. E cosa ha aggiunto il G. P. degli Stati Uniti? Soltanto una conferma della validità di una competizione scevra dall’assurdità dei multi-cambi-gomme. Alla base, non restano che le continue ingerenze del grande manipolatore, ormai sotto processo per corruzione in un’altra vicenda. Infatti, la Formula 1 è tecnicamente blindata; ma, con […]

  

DETTO TRA NOI – L’analisi post Gp degli Usa di GIAN CARLO MINARDI: “Grosjean è una prima guida, di Kovalainen meglio non parlare, Massa è un disperso, Bottas è sbocciato con la macchina vecchia e non era certo Perez quello da silurare in casa McLaren…”

- di Gian Carlo Minardi – I vincitori morali del GP di Austin sono la Lotus e il suo pilota Grosjean, che chiude solamente a 6” del vincitore Sebastian Vettel. Romain ha dimostrato di poter essere la prima guida per il futuro prossimo inserendo la sua Lotus tra le due migliori macchine del lotto. Ancora una volta la Red Bull #1 ha dimostrato di poter giocare  con gli avversari. Grosjean si merita un bel nove in pagella sia per la partenza che per la gestione della gara. Ha provato a infastidire il biondino di casa RB segnando il giro più […]

  

il blog di Benny Casadei Lucchi © 2018