E dunque e alla fine, ecco la F14-T.

Guardata bene?

Bella?

Vi piace?

Ci piace?

Lo dico io al posto vostro?

Sì, lo dico… CHISSENEFREGA!!!

Chissenefrega se sia bella, se ci piaccia non ci piaccia, se il muso a qualcuno ricordi quello di una forchetta, di una proboscite, di una caldaia a pellet, di un microonde, di un aspirapolvere folletto, di un freezer, CHISSENEFREGA!

Sembrasse anche una Prinz (non verde, però),

per il popolo rosso vestito conterebbe solo che fosse tremendamente veloce e affidabile.

Perchè non ne può più di perdere.

Punto!

Senza bla bla estetici e senza divagazioni su sospensioni pull o push rod o altro.

Noi già ci capiamo poco, a volte non ci capiscono neppure loro, per cui…

Per cui oggi limitiamoci a fare i guardoni via web, facciamoci la nostra brava e personalissima idea sulle forme della F14-T  (a me ricorda Scrat dell’Era Glaciale)

e non pensiamoci piu… fino a martedì, a Jerez, primo test, primo confronto con le rivali.

Capiremo alla svelta se l’immensa tradizione motoristica Ferrari è stata rispolverata all’altezza del marchio dopo anni di propulsori congelati.

Già, i motori turbo. Quest’anno non conterà solo l’aerodinamica. Motivo in più per non cadere nel giochetto del “è bella non è bella mi ricorda non mi ricorda…”

Lasciamo che parli il suo rombo.

Anche perchè il primo a provarla sarà Kimi Raikkonen…

che di solito parla poco.

Di solito… Perché 0ggi ha detto:

«Se siamo il team più forte? Speriamo di esserlo. Entrambi andiamo molto forte, ed entrambi vogliamo
vincere. Il tempo ci dirà cosa accadrà e se saremo in grado di riportare i mondiali in Ferrari»

ENTRAMBI,

capito?

Succederà di tutto!

Appuntamento a martedì.

Tag: , , , ,