- di Gian Carlo Minardi -

Monte-Carlo noioso? Forse si, ma questa edizione è stata caratterizzata dall’ennesima doppietta Mercedes, da tantissimi ritiri e da sole quattro vetture a pieni giri.

Ma andiamo con ordine.

Il leit motiv del week end è stata la debacle dei motori Renault che hanno accusato diversi cedimenti. Proprio su questo fronte il team quattro volte Campione del Mondo non riesce a svincolarsi dalla fornitura francese per il 2015 e, così, si potrebbe aprire un mercato di tecnici e piloti. Per Adrian Newey si prospetta un anno sabbatico, per tornare nel Circus nel 2016 con una nuova casacca. Come sappiamo ci sono diverse case costruttrici pronte ad entrare nel Mondiale – BMW in primis – a patto di trovare un partner tecnico valido. Questa situazione potrebbe far posticipare alcuni arrivi.

Come dicevamo la Mercedes ha firmato la quinta doppietta su sei appuntamenti con Nico Rosberg che bissa il successo dell’anno scorso, davanti al compagno. Lasciando da parte le polemiche, con questa vittoria Nico ha dimostrato di aver meritato la pole, essendo stato anche l’unico pilota a scendere sotto il muro dell’1’16”.

Tanti ritiri a causa dei cedimenti della Power-Unit Renault e solamente quattro vetture a pieni giri – Rosberg, Hamilton, Ricciardo, Alonso – Tra le vittime le due Toro Rosso, che si stavano comportando molto bene con Vergne e Kviyat, e la Red Bull di Sebastian Vettel. Daniel Ricciardo – unico pilota motorizzato Renault al traguardo – conquista il suo secondo podio consecutivo e, grazie ad una RB in crescita, lotta con la Mercedes di Hamilton, nonostante un’unità con un deficit di 80-90 cv. I numerosi ritiri hanno premiato Bianchi e la Marussia che conquistano il nono posto e due punti importantissimi per il prosieguo dell’avventura mondiale. Da ex Team Principal so cosa vogliano dire questi risultati.

Un piccolo plauso anche alla Ferrari che ha portato al traguardo le due vetture. Peccato per Raikkonen che, dopo un’ottima partenza e un week end caratterizzato da problemi fisici, è stato autore di una bellissima gara, anche se purtroppo rovinata da contatti di gara. In un tracciato come Monte-Carlo ci possono stare!

VN:F [1.9.3_1094]
Rating: 9.3/10 (4 votes cast)
VN:F [1.9.3_1094]
Rating: +3 (from 3 votes)
F1 Gp Monte Carlo - DETTO TRA NOI - L'analisi post gara di Minardi: "La debolezza Renault, il sabbatico di Newey, la Bmw in agguato..." , 9.3 out of 10 based on 4 ratings
Tag: , , , , , , ,