Pole numero 36 di Hamilton, la terza a Monza,  pole che conta parecchio nella sua testa perché sa di rivincita interna visti i recenti autoscontri e veleni in casa Mercedes.

Però è una pole che ha l’aria di contare molto e parecchio anche nel cuore del pubblico monzese. Perché la gente da queste parti, quasi a volersi tutelare  in caso che i malumori di Fernando diventino qualcosa di più di semplici parole, sembra aver già adottato l’inglese come beniamino e possibile sostituto in sella al Cavallino.

Sarà difficile, ma sperarlo è gratis.

Applausi, dunque, e tanti forza Lewis conditi di cappellini rossi sono lì a dimostrarlo.

Già, ma le Rosse.

Una è rossa di vergogna, è quella di Kimi Raikkonen che ha preso sei decimi dal compagno in Q2 e non ha scollinato la sessione  nel Gp di casa del Cavallino perché ha fatto a pugni con i freni e le traiettorie soprattutto alla Roggia.

L’altra è rossa di fatica perché Alonso ci ha messo l’anima ed è settimo, faticosamente settimo, a un secondo e tre da Hamilton e a un secondo da Rosberg 2°.

Che poi, visto che il duo Mercedes non si parla e ormai nel team tedesco regna il grande gelo, significa, e ci resta solo questo in cui sperare, che potenziale lo spagnolo è quinto se i due faranno il patatrack. Di più: magari, sperarlo non costa nulla, è persino virtualmente terzo visto che in seconda fila ci sono Bottas e Massa e pure i due della Williams mica si amano tanto e Felipe di solito parte bene e può accadere di tutto anche fra loro.

Si vedrà.

Così al via le prime 10 posizioni

Hamilton 1.24.109
Rosberg 1.24.383

Bottas 1.24.697
Massa 1.24.865

Magnussen (McLaren) 1.25.314
Button (McLaren) 1.25.379

Alonso (Ferrari) 1.25.430
Vettel (Red Bull) 1.25.436

Ricciardo (Red Bull) 1.25.709
Perez (Force India) 1.25.944

 

 

Tag: , , , , , , , , ,