– di Gian Carlo Minardi – 

6-4. Risultato tennistico per Lewis Hamilton ai danni di Nico Rosberg che però mantiene la leadership nel Mondiale con 22 lunghezze di vantaggio.  Nel “Tempio della velocità” l’inglese mette a segno il sesto successo stagionale, regalando alla Mercedes il decimo successo stagionale su tredici gare.

Dopo una partenza non certamente perfetta che ha favorito Nico,  proprio nelle fasi finali è Lewis ad approfittare di due errori del compagno alla prima variante, prendendosi così la rivincita sull’episodio di Spa.

Monza ci ha regalato un GP movimentato con qualche errore di troppo e condito dal primo ritiro di Fernando Alonso dopo 86 gp. Non è certamente stato un fine settimana positivo per i colori di Maranello, sia sul fronte delle prestazioni che dell’affidabilità. Salutano infatti la gara di casa con solamente un nono posto per Kimi Raikkonen. Week end ricco anche nel dietro le quinte con le dichiarazioni di Montezemolo e dell’ad di Fiat-Chrysler Sergio Marchionne “nessuno è indispensabile, ma il cambio della presidenza non è in agenda”… Parole che possono preludere a  un suo futuro in “Rosso”

Bella gara in rimonta per quelle che dovevano essere le seconde guide in casa Red Bull e Williams, Ricciardo e Bottas. Entrambi autori di una brutta partenza hanno saputo recuperare chiudendo al quarto e quinto posto. L’australiano ha chiuso nuovamente davanti al compagno dopo averlo sopravanzato nelle fasi finali, nonostante il tentativo di difesa da parte del tedesco. Daniel ormai è una certezza per il team, che può tranquillamente contare su un pilota di prima fascia. In casa RB sono certamente coperti da un probabile cambio di casacca di Vettel, considerando anche la bella prestazione (errore a parte) di Kvyat con la Toro Rosso. Costretto a scattare dal fondo del gruppo si è portato ai piedi della zona punti. Altrettanto bella la rimonta del finlandese che chiude alle spalle del podio e di Felipe Massa. La conferma dei suoi pilota da parte del team inglese è il primo segnale di stabilità. Di rimbalzo mi aspetto anche la conferma di Hamilton, almeno per il 2015.

A questo punto l’unico tassello mancante è in casa Honda. Prosegue la corte serrata a Sebastian Vettel, il quale ha chiesto qualche giorno in più per fare le sue valutazioni. Considerando come sta andando la sua stagione farebbe bene a cambiare aria per trovare nuove sfide e nuovi stimoli. Nella peggiore delle ipotesi McLaren-Honda potrebbe pensare di fare un altro anno insieme a Button, confermando in blocco l’attuale coppia. Le voci di mercato sembrano aver ridato vitalità all’ex campione del mondo 2009.

 

Tag: , , , , , , , ,