Canada Formula One Grand Prix
Premessa, gli siamo vicini.

Ha ragione lui. Seb.

Ha ragione ad arrabbiarsi.

Diamine, devono proprio girare a mille se arrivi con un motorone, con più cavalli, con più cose perché tre gettoni dei dieci avanzati sono stati usati per migliorare la parte termica del propulsore, e invece di volare scopri che la parte ibrida del motore, quasi fosse gelosa, si mette a fare i capricci.

Fatto sta, non ce l’ha proprio fatta Seba trattenersi  ed ecco allora quel “BEEP” che, durante la comunicazione radio andata in onda, ha provvidenzialmente coperto il “VAFFEN E KRAUTEN E AZZEN…” con cui Seb Vettel commentava la fine del Q1 e la sua uscita dai quindici “perché non ho potenza… non ho potenza…”.

Se non altro per una volta sappiamo che ha detto qualcosa di più istintivo e verace e non il solito e stucchevole “krazie ragazzi” ad uso e consumo dell’audience worldwide.

Comunque sia, ora siamo nelle mani di Raikkonen, e nel suo piedone, terzo tempo, sei decimi dietro a Lewis in pole e tre a Rosberg atapiraticamente dietro.

Sensazione?

Il passo Ferrari c’è eccome, a Montreal si può sorpassare, i due davanti litigheranno, Raikkonen si sveglia sempre in gara e stavolta è là davanti per cui…

In più Seb farà garone dalle retrovie.

Ci sarà trippa. Molta trippa e chissà che non ci scappi la sorpresa.

 

 

Tag: , , , , , ,