Italian Formula One Grand Prix
Intendiamoci.

Sono felicissimo. Perché il bell’addormentato nel bosco si è svegliato e Kimi è in prima fila accanto al biondo Lewis in pole. E Seb è lì, subito dietro. Quindi la Ferrari c’è e dalle prime due file qualcosa di veramente buono potrebbe fare.

Intendiamoci, però…

sono anche dispiaciutissimo.

Perché faccio di tutto per non pensare male e però questa F1 mi fa pensare pessimo. In piena estate ci ribadiscono delle difficoltà della Force India con le pezze al sedere? Sì. In estate ci raccontano che la Lotus non paga questo e quell’altro, che un giudice le sta già addosso, che i creditori sono pronti a metterle i ceppi ai cerchioni? Sì.

Pochi giorni dopo a Spa le due vetture in questione volano e più o meno continuano a volare anche adesso.

Intendiamoci,

sono contentissimo per Kimi. E per la Rossa nella sua gara di casa. E per Monza che ha bisogno come l’aria di un Cavallino che galoppi per riempire il parco domani.

Già… Gara di casa… bisogno come l’aria.

Allora ripenso a certe coincidenze, a Force India, a Lotus, ed è più forte di me pensare che tutta questa F1 mi convince sempre meno.

Così mi aggrappo con tutte le forze alla convinzione che sia tutto merito del super motore Ferrari arrivato qui e che doveva arrivare a Silverstone.

Ma quella era la gara di casa di Hamilton…

 

 

 

 

Tag: , , , , ,