image

Curioso.

Tutti scoprono adesso ciò che era già chiaro tre settimane fa un minuto dopo che la effe commision e lo strategy (strategy una cippa) group avevano chinato il capo ubbidendo a capo Ecclestone.

Le nuove qualifiche sono una fesseria. E lo sarebbero state anche se i team, Ferrari in primis, non avessero tenuto fermi i piloti per risparmiare gomme in chiave gara.

Fateci caso: fesseria si somma a fesseria. E non mi riferisco alla scelta Ferrari, quanto al fesso regolamento delle gomme che costringe i team a queste scelte.

Un minuto dopo l’annuncio delle nuove qualifiche era infatti chiaro che alla fine ci sarebbero stati due soli piloti in pista che come particelle di sodio nello spot dell’acqua naturale si sarebbero domandati “c’é nessuno???”

A Melbourne siamo andati oltre: non c’erano neppure le due particelle di sodio.

E la patetica immagine dello sbandieratore che sbandiera un fine prove su pista vuota è il manifesto di questa F1

Al Nuerburgring o a Spa, cinquantanni, fa lo sbandieratore sbandierava  la fine della battaglia e si contavano  morti, feriti e superstiti, ponendo le basi di uno sport glorioso che glorioso non è più.

Quanto ai piloti, che dire di Raikkonen che a domanda “come giudichi queste qualifiche” risponde “ma conta che cosa ne penso?”

Sono persone queste?

Sono sportivi questi?

Ed Hamilton che adoro quando guida ma che, inebebetito con occhialini finiti e sorriso plastico, era da ceffoni  per come, lui campione del mondo in carica da due anni, non prendesse vera posizione.

Meno male che in mezzo a questo niente si è profilato il nuovo e futuro leader di questa F1.

Un uomo con le palle in mezzo a tanti robottini.

Non me lo sarei aspettato.

Seb Vettel.

In due parole ha detto tutto.

Sulla  pole di Hamilton e il sul terzo tempo a OTTO decimi.

“Mi aspettavo di essere più vicino!”

Schietto, deciso, marchionesco nel messaggio a Marchionne.

Sulle qualifiche.

“Sono una merda!”

Ecclestionano nel messaggio a Ecclestone.

Avanti così, Seb!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

xxxxx

Tag: , , , , ,