minardi
– di Gian Carlo Minardi –

Gran Premio del Bahrain… seconda tappa … cosa dire? Prima di tutto, siamo davanti ad una F1 che non è più in grado di prendere una decisione all’unanimità … o meglio …. forse, ad alcuni fa comodo non accordarsi. E’ il caso delle qualifiche. Dopo la pioggia di critiche in Australia, anche questo fine settimana avremo nuovamente le eliminazioni ogni 90 secondi. Ho l’impressione che sia più che altro una mossa politica, in vista dei regolamenti 2017.

Per la gara, aspettiamoci un gran premio tattico dove le gomme avranno un ruolo da protagoniste. Pirelli porterà SuperSoft, Soft e Medium. Una bella scelta per i team, che però ci hanno già dato qualche indizio sulle tattiche. Ovvero: Mercedes porta solamente 1 set (per pilota) di Medium e 6 di S e SS. Ferrari 4 di Soft (da utilizzare quindi in qualifiche e prima parte di gara) e 6 di SuperSoft. L’anno scorso le Soft l’avevano fatta da padrona, con le medium usate solamente per rispettare le regole.

Arriviamo su un circuito vero in cui il caldo avrà un ruolo importante, anche se si correrà verso fine giornata quando le condizioni atmosferiche saranno meno torride. Anche i freni saranno un elemento sollecitato a causa dei lunghi rettilinei.

Sarà interessante vedere se Haas e Toro Rosso sapranno confermarsi dopo la bella prova inaugurale. Già dodici mesi fa i “giovani torelli” avevano conquistato la top ten, nonostante un’affidabilità non eccezionale e un motore non all’altezza. L’anno scorso la Ferrari aveva portato Vettel in prima fila, a pochi decimi dal poleman Hamilton e Raikkonen al secondo posto in gara. Speriamo che possa esser di buon auspicio per avvicinarsi alla Mercedes.

Tag: