Spanish Grand Prix, Barcelona 12 - 15 May 2016

Ridi ridi adesso. Se puoi.

Povero Ricciardo.

A Barcellona due settimane fa il team gli aveva fatto perdere il Gran premio facendolo rientrare prima e offrendo la strategia vincente a baby Verstappen che faceva molto più marketing.

Qui il team gli ha fatto perdere il Gran premio dominato fin dal giovedì di libere lasciandolo senza scarpe sul più bello.

Lui e la sua Red Bull sui trespoli del pit cruciale ma senza gomme sembrava una scena un po’ pirla.

E infatti Daniel non ride più. Sul podio dice chiaro “è la seconda volta di fila che succede, mi hanno chiamato loro ai box e dovevano essere pronti…”

Cose belle, insomma.

Ferrari, please, visto Raikkonen che sbatte al Tornantino e visto Vettel senza podio e tutt’altro che incolpevole, teniamolo d’occhio ‘sto Ricciardo in rotta con i suoi…

Fatto sta,

vittoria di capriccioso Hamilton, gara incomprensibile di Rosberg e un paio di riflessioni.

La prima:

ok la Ferrari di Vettel si è ritrovata con Massa davanti dopo il pit e ha perso secondi, però ha anche effettuato il proprio pit un giro dopo la Force India che quel podio è andata simpaticamente a prendersi.

Parliamone.

Come sarebbe anche il caso di parlare (seconda riflessione) dei sette giri che al via tutto il plotone ha fatto dietro la safety. Ovvero  partenza calmierata per pioggia e pista bagnata. La F1 deve evitare di mandare in pista le gru come in Giappone col povero Jules, non deve invece privare il pubblico dell’essenza di questo sport: rischio e partenze disumane.

Una partenza tipo quella di ieri a Monte Carlo avremmo potuto farla anche noi umani. Che non prendiamo 20 milioni l’anno.

1. Hamilton
2. a 7,2 Ricciardo
3. a 13,8 Perez
4. a 15,8 Vettel
5. Alonso
6. Hulkenberg
7. Rosberg
8. Sainz
9. Button
10. Massa

Classifica

Rosberg 108

Hamilton 82

Ricciardo 66

Raikkonen 61

Vettel 60

Tag: , , , , , ,