Autosprint, Formula “ma quale-show”, gomme e formichine. La Pirelli ha il coltello dalla parte del manico. E’ ora che lo usi

     Meno male che l’osanna di bene e bravo e bis rivolto a Vettel campione del mondo non ha obnubilato il buon senso. Meno male che quanto andiamo dicendo da due anni e più , io con l’occhio semplice del cronista e dell’appassionato, voi con i vostri pungenti commenti  e l’ingegner Benzing con la scienza, i modelli matematici  e la sua  inarrivabile esperienza, meno male che tutto questo è come una febbre, un virus… Ho letto con piacere questa settimana l’editoriale di Alberto Sabbatini, amico e direttore di Autosprint,  il più autorevole magazine di motorsport italiano, di cui riporto […]

  

Vettel campione del mondo. Raggiunge Fangio e Schumi, festeggia come Valentino e usa le gomme come si deve: nel burnout! Orgoglio Massa, disastro Alonso

Ci sono voluti quattro titoli di fila e una super multa per vedere un nuovo Vettel. Il Vettel che forse, spero, mi auguro sarà da qui in poi.  Cioè un po’ meno tedesco e un po’ più Valentino Rossi. Il Vale vecchia maniera, però. Quei giri su se stesso pazzi  e fumanti, quegli splendidi burn out  davanti alle tribune che sicuramente gli costeranno una multa dai gendarmi Fia, la sua Red Bull trasformata in una trottola per onorare se stesso e il team e il pubblico e poi e soprattutto lui che salta giù, si inginocchia davanti a lei, lei […]

  

Video Gallery – E tra Nelson Piquet ed Eliseo Salazar finisce a botte

Eliseo è un pilota che detiene uno sgradevole primato: viene ricordato per essere finito al tappeto, quasi al tappeto, durante un Gran premio. Ma non nel senso metaforico, cioè di battuto o di pugile ko. Nel senso vero. Menato da quello zingaro fintamente simpatico di Nelson Piquet – ammettiamolo, a renderlo divertente erano più le interviste del mitico Ezio Zermiani che il suo carattere  -. Finta simpatia che viene oggi fuori ogni volta che qualche giornalista italiano lo intervista a San Paolo prima del via del Gp e finta simpatia che emerse quel giorno del 1982, era estate, l’8 agosto, […]

  

il blog di Benny Casadei Lucchi © 2019