PAGELLIAMO INSIEME – Ecco i miei voti al Gp: Vettel e Alonso strepitosi. Battuti solo da Green Peace

VETTEL 9 Primo Attacca al via e in rettilineo affianca Hamilton e lo passa a Les Combes.Do­po il secondo pit il box gli dice «adesso spingi perché c’è rischio di pioggia».È l’unico momen­to di pathos – sifa per dire – prima degli urletti di rito sotto il traguardo. Perfetto, ma niente dieci. Se guidi Red Bull è troppo facile. ALONSO 7 Secondo Parte che meglio non si può e da nono è quinto in un barbatrucco. Ma­gia figlia del suo talento, del sistema di parten­za della Rossa e di quel zigzagare matto e at­tento al tempo stesso che gli ha […]

  

Gp Ungheria, Ferrari alla deriva. Hamilton 1° e Raikkonen 2° salvano per ora naufrago Alonso 5°. Vettel 3°

Primo Hamilton, secondo Raikkonen autore di gara delle sue, per cui testa gelida e guida sopraffina che gli consentono di farla su una sosta in meno. Vettel solo terzo e Alonso disperatamente quinto e mai veramente in corsa. Davanti a lui Webber. Tre soste per tutti i big, due per Kimi, 4 per Grosjean causa drive through per una delle sue varie scorribande (su Massa). Hamilton vince la sua prima gara dell’Era Mercedes e l’Hungaroring conferma di essere una Monte Carlo senza grattacieli. Non a caso la vetturetta uber alles ha vinto e mai messo in discussione la gara come […]

  

#F1 Vince Vettel, 2° Raikkonen, Ferrari tradita da ali e gomme. Alonso 8° e immenso. Fate voi le pagelle

Vince Vettel comodo comodo graziato dalla dea bendata che si è sbendata, ha fissato dritto dritto e forte forte la Ferrari di Alonso e quella di Massa e opplà, ha tolto di mezzo i due incomodi. Colpa dell’ala mobile che s’inceppa subito sulla F138 di Fernando (nel disegno dell’Ingegner Paolo Filisetti lo zoom dell’elemento), costretto a correre tutto il Gp senza,  e colpa della gomma posteriore destra di Felipe: ko una prima volta per desciapamento da detrito e ko una seconda volta per taglio da contatto. Queste le versioni fornite a caldo sui polimeri, poi, forse, credo, penso, in Pirelli […]

  

il blog di Benny Casadei Lucchi © 2019