F1 Gp Usa- La presentazione di MINARDI: “La Ferrari in pista per difendere il secondo posto… Purtroppo”

img_1058-8.jpg

- di Gian Carlo Minardi – Parte questo fine settimana da Austin l’ultimo poker di gran premi che ci porterà fino ad Abu Dhabi per il gran finale, passando per il Messico e Brasile, consegnandoci il nuovo campione del mondo. Il Circus della Formula 1 arriva in Texas, circuito impegnativo con venti curve e diversi sali-scendi nonché terreno fertile per Lewis Hamilton e la Mercedes che hanno trionfato la bellezza di quattro volte nelle cinque edizioni della corsa, lasciando solamente un sigillo al suo diretto avversario Sebastian Vettel, ancora a digiuno però coi colori della Ferrari. Dopo le ultime debacle […]

  

F1 Gp degli Usa – L’analisi post Gp di MINARDI: “Una corsa stravolta dalle gomme… E il titolo mondiale verrà assegnato all’ultima corsa”

- di Giancarlo Minardi – Un Gran Premio che ha stravolto le previsioni della vigilia coi ritiri in casa Red Bull e Ferrari. C0m’era prevedibile Lewis Hamilton sta giocando tutte le sue carte per provare a ribaltare una situazione che lo vede inseguire il suo compagno, conquistando la sua cinquantesima vittoria proprio davanti a Nico Rosberg che col 54esimo podio raggiunge Niki Lauda. Una Ferrari che, indipendentemente dai giri veloci arrivati grazie alla scelta delle gomme, si conferma terza forza del mondiale dietro a Mercedes e Red Bull. Sfruttando il problema tecnico capitato a Verstappen, avrebbe potuto rosicchiare qualche punto […]

  

F1 Gp degli Usa – DETTO TRA NOI – L’analisi di Minardi: “Lewis fenomeno, Ricciardo killer di Vettel e Alonso sta ridicolizzando Kimi”

- di Gian Carlo Minardi – Con un sorpasso magistrale sul compagno, Lewis Hamilton ha voluto mettere le cose in chiaro all’interno del team e far capire chi comanda. Sembra quasi un “animale” da gara. I suoi punti di vantaggio sono saliti a 24 a tra una settimana potrebbe mettere la parola “fine” a questa telenovela. Il titolo è  solo una  sfida tra loro due. Lewis vs Nico. Nessun altro Alle spalle dei due dominatori, abbiamo assistito ad un gran premio dinamico, divertente e vivo, con tanti sorpassi. Da manuale quello di Daniel Ricciardo nei confronti di Fernando Alonso, che […]

  

F1 Gp degli Usa – Pole di Nico. A Hamilton DOPPI incubi. La Ferrari? Il solito… incubo

Lewis parla di problemi ai freni. Sa di scusa. La sberla presa fa male. Secondo tempo. Ma lontano dal compagno. Sberla dolorosa non foss’altro perché quasi quattro decimi fra lui e Nico non ci sono neppure quando l’inglese guida le Ferrari di Barrichello e Massa. Però Nico è stato perfetto, Lewis ha sbagliato parecchio. Credo senta terribilmente la pressione. Ha 17 punti di vantaggio. Cosa buona e giusta quando si lotta in uno sport. Cosa insignificante quando si corre in questo baraccone che i nostalgici  chiamano ancora sport. Hamilton  sta già pensando ai doppi punti che verranno assegnati ad Abu […]

  

F1 Gp degli Usa – I conti in tasca al Circus spendaccione e ingordo che arriva di nuovo monco in America. Che figura!

  (Qui di seguito il mio articolo uscito oggi su il Giornale) Avanti così a tergiversare, a sfogliare la margherita, a non svelare dove diavolaccio andrà a correrà l’anno prossimo, e Fernando Alonso più che restare senza volante rischia di ritrovarsi senza F1. Nel senso di sport, di campionato, di serie, di mondiale. Perché il Circus sta perdendo i pezzi. E non si faccia l’errore di pensare che, in fondo, Caterham e Marussia fallite alla vigilia del Gp di Austin siano pezzi piccoli. Pesano tanto nell’economia della F1 e infatti, appena cadute, hanno subito fatto molto rumore. Anche perché le […]

  

F1 Gp degli Usa – DETTO TRA NOI – La presentazione di Minardi: “Il Circus perde i pezzi. E quest’idea della terza auto proprio non mi piace. Spero che i team abbiano le idee chiare”

  – Di Gian Carlo Minardi – Caterham e Marussia hanno dovuto alzare bandiera bianca.  Sono finite in amministrazione controllata. L’adozione della terza macchina per il 2015 sta diventando una realtà sempre più forte e in Texas sarà oggetto di riunioni. Mi auguro che si siedano attorno ad un tavolo con le idee molto chiare, contando fino a dieci prima di prendere una decisione finale. Portare in pista una terza monoposto non è cosa facile. Oltre ad un costo maggiore richiede anche un’organizzazione in termini di uomini e logistica. Già le nuove Power-Unit hanno fatto lievitare in modo spropositato i […]

  

DETTO TRA NOI – L’analisi post Gp degli Usa di GIAN CARLO MINARDI: “Grosjean è una prima guida, di Kovalainen meglio non parlare, Massa è un disperso, Bottas è sbocciato con la macchina vecchia e non era certo Perez quello da silurare in casa McLaren…”

- di Gian Carlo Minardi – I vincitori morali del GP di Austin sono la Lotus e il suo pilota Grosjean, che chiude solamente a 6” del vincitore Sebastian Vettel. Romain ha dimostrato di poter essere la prima guida per il futuro prossimo inserendo la sua Lotus tra le due migliori macchine del lotto. Ancora una volta la Red Bull #1 ha dimostrato di poter giocare  con gli avversari. Grosjean si merita un bel nove in pagella sia per la partenza che per la gestione della gara. Ha provato a infastidire il biondino di casa RB segnando il giro più […]

  

#MotoGp ad Austin e #F1 in Bahrein, sport a confronto. Quelli che lottano per la vittoria e quelli che NO!

  Quella frase mi fa impazzire. Tanto più che l’ha detta così, senza neppure rendersi conto di quanto, le sue parole, sarebbero risultate aliene nel dorato mondo del wrestling. Sorry. Volevo dire della F1 dei sorpassi diversamente veri e delle gomme diversamente durature. Lin Jarvis è il Domenicali della Yamaha, è il Christian Horner della Red Bull, mica un pinco palla alle prese con pettine e bambole. Parlando della rivalità pronta a ri-esplodere in seno al team fra Rossi e Lorenzo, ha detto “CHE BATTAGLINO PURE, CIÒ CHE CONTA È CHE NON VENGA MENO LA SICUREZZA”. Capito? La sicurezza. Mica […]

  

Video Gallery – Watkins Glen 1973. Tragico Cévert. Quel francese forte, bello e amato dal Circus

Francois Cevert, classe 1944. Gli occhi grandi e i suoi amori e suo padre, monsieur Goldenberg, gioielliere parigino di origini ebree che cambia cognome ai figli dandogli quello della moglie, appunto Cevert, e beffa Hitler, l’occupazione tedesca, le persecuzioni. Francois occhi grandi e gli amori, la storia forse vera e forse no con Brigitte Bardot. Francois e la F1, il debutto nel ’70 con la March e poi tre anni di Tyrrell, accanto al più grande dell’epoca, Jackie Stewart. 48 Gp, una vittoria e il destino di grande troncato in qualifica nel Gp degli Usa, a Watkins Glen, il 6 […]

  

il blog di Benny Casadei Lucchi © 2019