Le possibili sponde internazionali del governo Lega-M5S

Parte del destino del governo Lega-5 Stelle si giocherà non solo nel rapporto con l’Europa, ma più in generale nei rapporti diplomatici che esso saprà costruire e valorizzare. Se da un lato abbiamo ben chiari alcuni dei principali supporters geopolitici di questo schieramento, dall’altro ci sono degli Stati, dei politici e delle personalità che, sebbene finora più defilate, potrebbero garantire un grosso aiuto diplomatico all’esecutivo se portate dalla propria parte. Non abbiamo nessun dubbio sul sostanziale placet verso il governo in carica da parte della Russia e del suo Presidente Putin. Quest’ultimo, sebbene sempre cauto nell’esprimere apprezzamento verso questo o quel partito […]

  

La sinistra perde perché ha smesso di rappresentare gli ultimi

La sinistra perde e i ceti subalterni italiani votano Lega e 5 Stelle semplicemente perché la sinistra ha smesso di rappresentarne da tempo le istanze. Non c’è altro da dire. Non c’è alcun complotto populista, non c’è nessun asse (sic!) tra falchi tedeschi dell’austerità e leghisti per delegittimare un presunto “progresso”, che probabilmente solo gli elettori democratici vedono. In questi anni nel panorama leftist, dalle ali più moderate ma pure da molte più alternative, ci si è sentiti dire che non si possono ridiscutere i trattati europei o ridiscutere le leggi dei mercati finanziari, che è fascista porre paletti all’immigrazione […]

  

Una vera democrazia, oggi, deve ripartire dal federalismo

In queste ore, dopo le polemiche sul ruolo del Presidente della Repubblica, c’è una cosa su cui riflettere: in Italia c’è bisogno di chiarire in maniera forte il concetto di rappresentanza e democrazia. Non è troppo difficile, infatti, notare quanto il timore di diventare insignificanti e perenne preda di decisioni altrui (un filo rosso della retorica dell’unione nazionale) sia divenuto più reale in trent’anni di Italia unita, repubblicana ed europeista che in secoli e secoli di stati regionali. La politica delle grandi nazioni poteva valere forse cento, duecento anni fa. Oggi non è più così e in tempo di globalizzazione la lontananza […]

  

Toni Iwobi “Stop ai clandestini, stop all’importazione di manodopera a basso costo”

Intervistiamo oggi Tony Iwobi, nigeriano, responsabile federale del dipartimento immigrazione della Lega Nord. Leghista militante dal 1995, ha saputo portare il suo contributo all’interno del dibattito politico del Carroccio sfidando accuse e scetticismi. La sua visione è quella di chi l’immigrazione l’ha vissuta in prima persona, trovandosi ora a commentare l’esodo senza fine di tanti giovani africani. Giovani che, lasciando il Continente Nero, ne impediscono una reale emancipazione e pongono il problema migratorio in cima alla lista delle urgenze nel nostro paese. 1) Toni Iwobi, che spazio ha fornito la Lega Nord al pensiero di un africano orgoglioso delle sue […]

  

Sì al referendum sull’autonomia per rilanciare la questione federalista

Il referendum sull’autonomia che riguarderà Veneto e Lombardia a fine ottobre è una opportunità incompleta ma che va sfruttata, una opportunità per rilanciare in tutta Italia la tematica del federalismo, che non deve riguardare solo 5 o 7 regioni con una autonomia tutta da definire, bensì tutti, in maniera chiara e trasparente. Se vediamo l’attuale proscenio globale e in particolar modo le amministrazioni dei paesi occidentali, dai nostri vicini dell’Austria, della Svizzera e della Germania alle superpotenze degli USA e della Russia, possiamo notare quanto questi stati abbiano correttamente investito nella tematica federale, facendo del decentramento non un motivo di […]

  

Successo per Salvini, ma la Lega rischia il guado

Dopo le primarie leghiste quel che salta all’occhio è il buon successo in termini numerici ottenuto da Matteo Salvini. Successo mai in discussione, sia ben chiaro, ma ottenuto comunque in un clima di malcontento della minoranza bossiana, passibile di sfociare pure in una scissione che ad oggi non va per nulla esclusa. Quello che è interessante commentare sono le dichiarazioni d’intenti del segretario leghista il giorno dopo il voto. Un messaggio ai possibili alleati del centrodestra, in cui si dice chiaramente di non voler avere nulla a che fare con Angelino Alfano e compagnia. Una uscita in direzione di Forza Italia, che vorrebbe […]

  

La divisione non è più tra destra e sinistra, ma tra favorevoli e contrari alla globalizzazione

Con il crescere dei movimenti simili al Front National si nota la progressiva divisione del fronte politico in uno schieramento nuovo, ovvero tra chi è sostanzialmente favorevole alla globalizzazione e all’attuale status politico, economico e sociale e chi vi si oppone. Quello è l’orizzonte delle alleanze e dei futuri schemi. Ed è pure probabile che l’ascesa dei partiti “populisti” ed euroscettici favorisca ulteriori convergenze centriste. L’ultimo segnale è l’odierna uscita di Franceschini, che propone a Silvio Berlusconi di cambiare le regole del voto assieme al PD. Il “Fronte Repubblicano” visto all’opera negli ultimi anni in Francia è un fenomeno passibile […]

  

Associazione Lombardia – Russia, uno sguardo geopolitico per una nuova amicizia con Mosca

putin-italia003-1000x600

La situazione geopolitica mondiale è più che mai complessa; la minaccia del terrorismo islamico e il ritrovato ruolo di potenza mondiale della Russia di Putin si intrecciano ai difficili rapporti diplomatici in seno all’Unione Europea e ai rapporti della stessa con un mondo che va delineandosi verso il multipolarismo. Per discutere di questo e dei rapporti tra la Russia e l’Italia intervistiamo oggi Gianluca Savoini, presidente dell’Associazione Lombardia Russia nonché condirettore e responsabile esteri dell’agenzia stampa Agiellenews. 1) Dottor Savoini, come nasce la sua attività nei confronti della Russia e quali sono gli obiettivi suoi e della sua associazione? Personalmente sono […]

  

La demonizzazione di Salvini che fa gli interessi della Lega

Matteo-Salvini-1

Tra comizi, agitazioni e ospitate in tv, continua la crescita di consensi da parte di Matteo Salvini. Una crescita accompagnata spesso dal timore e dall’incapacità, da parte dei principali rivali, di comprendere il motivo di un consenso basato soprattutto su temi lasciati liberi dalle altre formazioni politiche. Non si tratta solo dell’euroscetticismo, di cui il Carroccio è diventato ormai il principale esponente, ma anche del problema dell’immigrazione clandestina, dei campi rom, della sicurezza e dei rapporti con il resto del mondo. Soprattutto per quanto riguarda il tema dell’immigrazione clandestina e della dislocazione sul territorio nazionale dei profughi, la Lega Nord […]

  

La Lega Nord deve continuare a crescere da sola

Lo strabiliante successo del Front National in Francia, dopo la comparsata di Marine Le Pen in Italia e l’interessante dibattito serale con Massimo D’Alema, ha fatto interessare molti elettori e politici nostrani ai destini della destra italiana, al suo futuro e ai possibili scenari che nella nostra penisola avrebbe un partito come quello francese. La Lega Nord, alleata al Front in Europa e vicina ai Le Pen, pare essere il partito più simile nonché la forza potenzialmente più adatta a replicare nel Bel Paese le scelte e le posizioni del partito francese. La differenza tra i due partiti è tuttavia […]

  

Il blog di Alessandro Catto © 2019