La Rai non diffonde/promuove il Virus di Porro

L’ospitata di Marcello Dell’Utri con scoop sulla richiesta di grazia per Berlusconi è solo l’ultima partecipazione nobile a Virus – Il contagio delle idee condotto dal vicedirettore del Giornale Nicola Porro. Nella serata del venerdì abbiamo visto sfilare una classe dirigente solitamente ignorata dalla tv: Marco Tronchetti Provera, Tarak Ben Ammar, Claudio Lotito, Ennio Doris per fare alcuni nomi. Se lo share non ripaga tanti sforzi ci dev’essere qualcosa da rivedere nella promozione e nella collocazione del prodotto. Quelle interviste meritano più visibilità. La risalita di Lucignolo 2.0 Dopo il deludente esordio della prima puntata senza conduttore, 4,98 per cento […]

  

Papa Francesco, Scalfari e il filo diretto di Twitter

Mentre noi, giornalisti colti e eruditi, c’interroghiamo sull’ortodossia di papa Francesco, il suo account su Twitter (@Pontifex) ha superato dieci milioni di follower. Oltre quattro milioni in lingua spagnola, 3 milioni 130 mila in inglese e un milione 249 mila in italiano. “Cari Follower, ho saputo che siete più di dieci milioni ormai! Vi ringrazio di cuore e vi chiedo di continuare a pregare per me”, ha postato Bergoglio. Il quale, grazie a Dio, riesce a dribblare i filtri perché non ha bisogno di traduttori del suo pensiero. Non ha bisogno degli iteologi (ideologi della teologia). Né vecchi né nuovi. […]

  

Quante smagliature ha la Rete

Dice Carlo Freccero, uno che se ne intende: ogni nuovo media si presenta come una miss seducente, ma col passare del tempo si trasforma in una strega. Non sarà per caso quello che sta accadendo anche al mitico web, nuovo idolo moderno? Quante smagliature sta mostrando la Rete. E sono tanto più evidenti quanto più, finora, ne sono state decantate virtù e magìe. La disillusione galoppa. È cominciata subito dopo l’elegia che ne ha tessuto per anni il demiurgo del Movimento Cinque Stelle. La Rete bacchetta magica della convivenza civile. La Rete paradiso terreno. La Rete strumento inappellabile della democrazia […]

  

Il blog di Maurizio Caverzan © 2019