“Non chiamate l’Isis Stato islamico” (ma fate in fretta a combatterlo)

kanar.allahisis.vignetta.islamcristiani

Il primo è stato Obama, che per condannare la decapitazione del cooperante americano Peter Kassig lo scorso novembre si è rifiutato di parlare di “islam radicale”  e ha usato il termine generico “male” per riferirsi ai tagliagole. Ora lo dice pure il premier inglese, il conservatore Cameron, che fa un appello alla Bbc: non usate il nome “Stato islamico” per riferirvi al gruppo di terroristi che sta spargendo sangue e orrore per il mondo. Gli fa eco il sindaco di Londra, anche lui conservatore, Boris Johnson, che lo spiega in termini molto chiari: chiamarli così vuol dire riconoscere che sono […]

  

Immigrati, la Francia s’è destra

hollande.destraCopia di valls.destra

No alle quote migranti, no a nuovi centri di accoglienza per i sans-papiers. Chi non ha diritto d’asilo “va ricondotto al confine”. “Fermezza e umanità, responsabilità e giustizia, questa è la politica del nostro governo”, spiega il primo ministro francese Manuel Valls pronto ad annunciare nuove “misure per evitare che si formino accampamenti precari indegni per il nostro Paese e che pongono problemi sanitari e di sicurezza”. Tornata all’Eliseo dopo 17 anni, incalzata dalla concorrenza di Marine Le Pen e del presidente dei Repubblicani Nicolas Sarkozy, la sinistra francese s’è destra. Ha virato “à droite”. Dai campi rom alle tendopoli sgomberate, dal […]

  

Ci mancava solo il sessismo del Nobel Hunt

Vignetta-Disparità-salariale-uomini-e-donne

Ci mancava solo il Nobel per la medicina. Ora ci si mette pure Tim Hunt, 72 anni, a spargere per il mondo la sua dose di sessismo. Lo ha fatto al Congresso mondiale dei giornalisti scientifici in Corea del Sud e questo potrebbe essere il segnale di un’ingenuità (a voler essere buonisti) o di una provocazione per cercare clamore (ma lui stesso poi ha ammesso di “aver fatto una cosa molto stupida”).  Ecco la frase incriminata: “Lasciate che vi dica il mio problema con le ragazze – spiega Hunt –. Tre cose possono succedere quando ci sono loro in laboratorio: ti […]

  

Il blog di Gaia Cesare © 2018