Mamme, anche il gruppo whatsApp ha un suo galateo

Biiippp! “Scusate qualcuno ha i compiti di inglese?” “Io no” “Neppure io” “no” “No, mi spiaaaaaaace!!!” “Non li ho, sono in montagna” “non li ho sono al mare” “Forse io li ho ma devo tornare dalla gita… va bene verso le 19?” Biiiip! Biiip! Bip Bip Bip Bip…. Storie ordinarie di gruppo whatsApp. Nello specifico, gruppo delle mamme. Ma vale pure per quello del calcio, del basket etc etc etc….  I compiti, i soldi della gita, i pidocchi,  la festa, la partita, il regalo… inutile dire che il gruppo wp delle mamme della classe è diventato uno strumento indispensabile per […]

  

Maternità e lavoro:ecco come diventare mamme-imprenditrici (di se stesse)

“Carriera o figli? Part-time verticale o full time? Casalinga o manager? Alle mamme di oggi queste etichette vanno strette e così se ne sono inventata una nuova di zecca: vogliono essere mamme sì, ma anche imprenditrici (di se stesse). Per gestire il tempo come meglio credono, per lavorare da casa (o dai giardinetti), per realizzare un’attività che a loro piace davvero, mettendo a frutto talenti troppe volte castrati in un mondo del lavoro asfittico e spesso miope nei riguardi delle donne. Impossibile? No, affatto”. Comincia così l’ebook “Mamme e lavoro oggi – Le mompreneurs” (moms cioè mamme e enentreprenurs “imprenditrici) scritto […]

  

“Grazie mamma”, lo spot contagioso come il virus bifronte

Pochi sono i bambini che diventeranno una volta cresciuti campioni olimpici. E altrettante poche le loro olimpioniche mamme. Eppure il video che si sta diffondendo in rete (contagioso come il virus bifronte pancia-mal di gola di questi giorni)  riesce a coinvolgere tutte le mamme del mondo. Conta infatti già 2,8 milioni di visualizzazioni lo spot – perché di questo si tratta – realizzato dalla Procter&Gamble per le Olimpiadi invernali che si terranno fra un mese esatto a Sochi, in Russia. La multinazionale che produce decine di conosciutissimi prodotti per la casa ma non solo, segue il filone che aveva già inaugurato […]

  

Il blog di Serena Coppetti © 2018