Il Papa nel suo viaggio in Terra Santa annuncerà la canonizzazione della beata Mariam di Betlemme? La speranza è grande tra i tanti devoti della piccola araba, mistica e donna votata al servizio più umile e concreto, tanto da entrare al Carmelo come suora conversa, ovvero tra le sorelle che si occupavano di curare gli affari materiali per le monache dedite alla preghiera e alla contemplazione.

Maria di Gesù Crocifisso


Una vita sfiorata dal martirio. Quando aveva dodici anni, Miriam fu aggredita e quasi uccisa da un servitore musulmano che voleva convincerla ad abbandonare il cristianesimo per abbracciare l’Islam. Quando rifiutò, l’uomo le tagliò la gola, poi l’abbandonò per strada. Fu soccorsa da una donna che la curò e la istruì, nella quale la ragazzina più tardi riconobbe la Vergine Maria.
Il miracolo attribuito alla beata Maria di Gesù Crocifisso, questo il nome da religiosa della giovane palestinese, è stato approvato dai medici della Congregazione per le cause dei santi, così adesso c’è il via libera perché Mariam, nata ad Abellin, in Galilea, nel 1846, e morta a Betlemme il 26 agosto 1878, possa essere canonizzata. Quel che è certo al momento è che il Patriarcato latino vuole accogliere con un poster della piccola araba il Papa durante la Messa a Betlemme.
Mariam, o Miriam, o Mary, o Maria, come viene chiamata in arabo, in ebraico, in inglese, in latino e in italiano, è stata proclamata beata da Giovanni Paolo II. Una piccola suora, figlia di genitori mezzo libanesi e mezzo siriani, che fondò monasteri arrivando fino in India. E ricevette grandi grazie mistiche: tra tante, le si attribuisce la localizzazione del luogo in cui si sarebbe svolta la cena di Emmaus.
La devozione verso di lei ha varcato le soglie del Carmelo e della Terra Santa, arrivando un po’ ovunque. A Medjugorie sono molti i devoti di Maryam: a parlare e scrivere di lei è stata soprattutto suor Emmanuel Maillard, fondatrice dell’associazione “Children of Medjugorie”.
Posso raccontare anche io una grazia ricevuta con la sua intercessione: il matrimonio di una mia carissima amica, che conviveva da tanti anni con il suo fidanzato. Durante un viaggio in Terra Santa ho lasciato un bigliettino per il Carmelo di Betlemme, dove è custodito il corpo di Mariam.
Quando mi sono state annunciate le nozze, in quello stesso giorno, accendendo la tv, ho trovato diciamo così per caso un documentario che parlava di lei. Chiunque conosca un minimo i palinsesti può capire quanto sia una coincidenza singolare!
Ma non basta. Ho incontrato per un altro diciamo così caso gli sposi mentre parlavano con il sacerdote per fissare la data del matrimonio. Era una mattina di un giorno feriale e ci siamo trovati in chiesa. Tutto ciò è stato sufficiente a convincere me che ci sia stato il suo aiuto. Non so se vale anche per voi!
Se volete avere notizie approfondite di Mariam, potete cliccare qui

Tag: , , , , ,