La Madonna della Guardia e il contadino Benedetto

Che può fare chi non può fare niente per Genova? Pregare. Alla Madonna della Guardia il Papa ha rivolto un’Ave Maria insieme a tutti i fedeli presenti in piazza San Pietro per l’Angelus (e ai tanti che lo ascoltavano in diretta da tutto il mondo), a sostegno della popolazione colpita. Una preghiera della Chiesa per l’alluvione che ha travolto Genova. Una preghiera che si aggiunge alle opere di gente comune. Una preghiera, l’Ave Maria, che è l’anima di tanta carità concreta, la forza dell’agire e della solidarietà di molti cristiani.
C’è un po’ di cielo a Genova e sono tutti i genovesi che si sono rimboccati le maniche e strappano un sorriso ai mugugni, i tanti volontari, gli angeli che si sono precipitati in mezzo all’acqua, l’arcivescovo Bagnasco con l’abito e le scarpe rovinate dal fango, il Papa che chiama alla preghiera. E’ la Madonna della Guardia sulla città travolta dalla nostra noncuranza delle leggi della natura, dalla nostra avida sciatteria.
‘Tutti sanno che sei un uomo semplice, ora diranno che sei anche pazzo’. Benedetto Pareto, un contadino, portava al pascolo il gregge sul Monte Figogna, sopra Genova, quando vide la Madonna, che gli chiese di costruire una cappella. Era il 29 agosto del 1490 e l’uomo ebbe un po’ timore di raccontare ai compaesani quel che gli era accaduto, per paura che lo prendessero per matto. E’ la prima pietra della Madonna della Guardia, oggi santuario genovese visitassimo. Il contadino Benedetto si sentì dire proprio dalla moglie: ti prenderanno per pazzo se racconti di aver visto la Madonna. Lui preferì non rischiare. Poi cadde da un albero e stava per morire. Vide di nuovo la Madonna e fu risanato. A questo punto si decise. Da allora pellegrinaggi continui, grazie, favori, guarigioni inspiegabili.
Non è necessario credere all’apparizione, nemmeno la Chiesa vincola i fedeli a farlo, anche se in molti ci credono, ci crediamo. Ma il contadino Benedetto che andava al pascolo con le sue pecore ricorda la tanta gente semplice che si dà da fare per rimettere a posto il terreno, il negozio, la casa.
A lei, alla Madonna della Guardia, un’Ave Maria piena di grazia. Poi, subito al lavoro e, per chi può, alle opere di solidarietà…

Tag: , , , , ,