Non è una novità la spesa solidale, anche se non è da tutti offrire un angolo del proprio carrello a chi non può permettersi di fare da sé. In questo caso il pezzetto di cielo è ancora più speciale, perché a ricevere le buste con le offerte saranno persone per cui l’azzurro (o anche solo il grigio) è molto più difficile da vedere che per gli altri. Al di là dei delitti e delle pene, resta sempre vero ciò che troppo spesso dimentichiamo: ovvero che il carcere è pensato anche e forse soprattutto per rieducare, così da restituire alla società cittadini che della propria libertà sanno che cosa farne. Così, scusate se lo dico, è per loro e anche un po’ per noi stessi che siamo fuori che sabato 7 ottobre abbiamo la possibilità di fare la spesa solidale per i detenuti del carcere di Bollate. sestaopera
Non è un’opera semplicissima, perché il supermercato disponibile per l’operazione ‘Solidarietà a km zero’ è solo uno, la Coop di Novate Milanese in via Brodolini, 45. Per compiere la sesta opera di misericordia corporale, cioè visitare i carcerati, nella giornata di sabato 7 si possono acquistare prodotti di igiene personale e di cartoleria di qualsiasi marca e consegnarli ai volontari presenti al super. Non olio, farina, pasta e beni non deperibili, ma saponi, bagnoschiuma, rasoi usa e getta, shampoo, sapone da bucato, spazzolini e dentifrici, salviettine umidificate.
Chi preferisce contribuire alle attività educative e ai laboratori, immaginando già dipinti, lettere, poesie e romanzi, può regalare carta formato A4, quaderni, pastelli, biro (con involucro trasparente, come richiedono le norme di sicurezza carcererarie), e ancora matite e buste per corrispondenza.
Per dirlo con le parole di Guido Chiaretti, presidente di Sesta Opera San Fedele onlus, “non basta passare del tempo rinchiuso per aggiustare i conti con il proprio passato e da oltre 90 anni la nostra associazione offre assistenza e sostegno materiale con progetti sperimentali ed esperienze per la rieducazione del condannato e l’inserimento sociale”. E ancora, per dare sicurezza a tutti noi: “Dare dignità a chi sta pagando il suo debito con la giustizia è il modo migliore per abbattere la recidiva e rendere la società più sicura”.
Chi non può andare al supermercato, può destinare il 5×1000 o inventare (e magari raccontarci) qualche altro modo per dipingere il suo angolo di cielo.

Tag: , , ,