Ci sono persone che piangono  lo spirito del  Natale. Troppi pacchetti, oggetti riciclati, cene e cenette, parenti più o meno serpenti. E’ l’attualità della riflessione sul senso del dono o anche solo il crollo fisico di fronte a tanti appuntamenti tra palle dorate e abeti decorati. Pensieri anche profondi.

Ci sono tanti pezzi di cielo, nella nostra parte di mondo,  e non in continenti lontani, per cui tutte queste discussioni non esistono e la lettera a Gesù bambino è scritta con parole così semplici che non viene nemmeno da pensare.

Mi sono stati segnalati centoquaranta bambini e ragazzi ospiti delle comunità per minori in condizione di disagio gestite da Fondazione Somaschi in tutta Italia.

La cosa bella è che c’è una lista di doni che ha raccolto i desideri (a volte sproporzionati, proprio come i nostri) dei bambini). Si può consultare la lista on line e poi decidere di comprare via internet il dono oppure di consegnarlo a mano nella sede della onlus di piazza XXV Aprile 2. Naturalmente si può portare anche un dono fuori lista…

Nell’attesa, per non rovinarvi la sorpresa, non vi rivelo i sogni natalizi… la lista si può trovare su https://amzn.to/2yyzcyZ

Una delle letterine

Una delle letterine

Una delle letterine

Una delle letterine