Ricorda il poliziotto statunitense mentre soffoca e uccide George Floyd e per questo va bandito dall’immaginario collettivo. Ma che cosa ci dice più in profondità la richiesta di eliminare dipinti e statue in cui san Michele Arcangelo schiaccia sotto i propri piedi Satana ricacciandolo all’inferno?
Come è possibile anche solo associare l’immagine del male a George Floyd, che della cieca violenza del male è stata vittima?
Chiedo perdono sia perché scrivo di getto di una cosa così importante, ma questo attiene alla natura del blog, sia perché scrivo in condizioni di salute generali tutt’altro che buone e ho anche avuto un recente capogiro. Tutto ciò dovrebbe essere sufficiente a fermarmi ma forse spero che il calore di chi legge sia di cura oltre che di aiuto a comprendere. Fine (spero) del preambolo.
Io stessa mi sono trovata a domandarmi se è così come fa san Michele che immagino che il Bene vinca sul male, schiacciandogli la testa fino a soffocarlo.
Vi dico subito che mi sono risposta di no.
Forse anche perché sono una donna, oltre che che perché come (quasi) tutti amo la pace, l’immagine che mi invade gli occhi, continuando a guardare le battaglie del cielo, sono le nuvole bianche che allontanano i cumuli densi di burrasca, il sole che scopre i corpi anche dove fallisce il più forte dei venti, gli uccelli che cantano e cancellano propositi malvagi, la bellezza di un orizzonte che può tutto, perfino sottomettere il male.
Mi viene da pensare che anche a san Michele piace annegare il male in una sovrabbondanza di bene e forse non si vede bello neanche lui in tutti quei dipinti in armi, spesso più devozionali che artistici.
Non per questo credo sia il caso di distruggere in una furia iconoclasta le immagini di san Michele che annienta Satana né di coprirle con foglie di fico come si faceva un tempo con le sacre pudenda.
Ma tra i fumi dell’immaginazione, e anche lei chiede giustizia per George Floyd, fa capolino una Donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle. Che meraviglia nella sua drammatica battaglia, nel suo abbraccio per difendere George Floyd.
Chissà come è contento anche l’arcangelo Michele nell’imparare a sconfiggere il male grazie alla grazia di Lei

Tag: , , ,