Le badanti? Angeli custodi…

Il profeta Elia riceve pane e acqua da un angelo, Peter Paul Rubens

Chiacchierando con un amico, qualche giorno fa, ci siamo trovati a parlare di un pezzetto di cielo in terra, angeli che fanno compagnia e di cui abbiamo sempre più bisogno. Forse anche perché noi, nel nostro sfrenato attivismo, dimentichiamo come si fa a dare e ricevere affetto con gesti concreti. A partire da quello che sembra il più scontato: offrire il cibo, il primo è più importante simbolo dell’amore. Queste persone hanno un nome bello: badanti. Badare a qualcuno vuol dire prima di tutto indugiare, trattenersi. E così dedicare del tempo, perché senza tempo non ci si può prendere cura […]

  

L’amica che preparava i dolcetti a san Francesco

Tutti conosciamo l’amicizia che legò san Francesco a santa Chiara. Non so quanti di voi conoscano Jacopa dei Settesogli. Io – ammetto la mia ignoranza – ne ho sentito parlare per la prima volta nei giorni scorsi, nella chiesa milanese di Sant’Angelo, dove le volontarie francescane vendevano i mostaccioli, dolcetti a base di mandorle, zucchero, miele e cannella, che tanto piacevano a Francesco. Altra sorpresa! perché non avrei mai associato il penitente Francesco alla passione per un dolce… Di sorpresa in sorpresa, la signora che vendeva i mostaccioli mi ha anche raccontato che san Francesco chiese di poter vedere l’amica […]

  

La crepa che ha illuminato la Sistina

Tutto è nato da una crepa sulla volta. Una grande crepa, che rischiava di far crollare tutto, di sbriciolare la Cappella Sistina. Correva l’anno 1508. C’era un po’ di cielo, un cielo stellato, già allora. Poi, la crepa. E da lì, da una ferita che poteva distruggere, è nato il capolavoro di Michelangelo, il dito di Dio che incontra l’uomo creato a sua immagine, che il mondo non si stanca di ammirare. Parlavamo anche di questa crepa mentre il buio della Cappella Sistina aspettava il fiat lux della nuova illuminazione. Senza la crepa, niente capolavoro. Un tempo c’erano i mecenati […]

  

Che bello andare al cinema sul tetto del Duomo

C’è un po’ di cielo, è a Milano, sulle terrazze del Duomo. Salire lì in cima, ai piedi della Madonnina d’oro, tra le infinite guglie, i ricami candidi, tessuti per guardare in alto e essere guardati dall’Alto, è un angolino di paradiso. E’ stata una bella sorpresa che mi ha fatto un’amica il programma in anteprima dell’estate lassù: nel luglio milanese si potrà andare al cinema in mezzo a tanta bellezza. Il primo film mi ha subito colpito, mi è nato il desiderio di rivederlo sotto le stelle. E’ “Il Vangelo secondo Matteo” di Pier Paolo Pasolini, girato nel 1964, […]

  

Come salvare i matrimoni impossibili

Mi spiace arrivare solo nel pomeriggio inoltrato per ricordare Santa Rita da Cascia, il 22 maggio come ogni anno festeggiata nel suo santuario in Umbria e un po’ in tutto il mondo. Personaggio straordinario, Rita, anche se la sua vita a lungo è rimasta annebbiata nella leggenda più o meno noir o idealizzata nelle pur belle e commoventi e opere disegnate dalla devozione. E invece Rita, libera da stereotipi e falsi aneddoti, è stata un personaggio storico di grande ricchezza e modernità. Moglie, madre, vedova, monaca agostiniana e mistica. Nata nel 1381 e morta probabilmente nel 1447, beatificata nel 1628, […]

  

Un matrimonio indissolubile

C’è un po’ di cielo e arriva dal passato: è una storia d’amore finita con un matrimonio all’alba del 4 maggio 1916. Lei si chiama Grace Gifford, è un’artista e la fidanzata di un poeta. Hanno deciso di sposarsi presto ma non tutto fila liscio intorno a loro. Poeta e patriota, il fidanzato Joseph Mary Plunkett è tra coloro che nei moti di Pasqua per primi proclamano la Repubblica d’Irlanda. Ha ventotto anni. Viene condannato a morte e decidono di giustiziarlo il 4 maggio 1916. Lei va a comprare le fedi. Prima di consegnarsi al boia, quando il sole non […]

  

La Madonna delle turbolenze

Vuoti d’aria e scossoni anche violenti non mancano nella vita di nessuno. Che fare quando il gioco si fa duro e le correnti d’aria fanno perdere quota? Mi ha molto colpito un consiglio pratico di Papa Francesco: “Vi affido alla Vergine, che è Madre. Mai dimenticarla! I mistici russi dicevano che nel momento delle turbolenze spirituali bisogna rifugiarsi sotto il manto della Santa Madre di Dio. Mai uscire di là! Coperti con il manto”. (Se qualcuno vuole leggere per intero il discorso, che era rivolto ai futuri sacerdoti, lo trova qui). Anche chi va per mare in barca a vela, […]

  

Il blog di Sabrina Cottone © 2018