Ambasciatore gay in Vaticano? Un caso poco diplomatico

Filippo battezza l'eunuco etiope, Hans von Marées

Non so voi, ma io sono rimasta colpita dalla vicenda dell’ambasciatore gay che la Francia ha proposto al Vaticano. Subito ho pensato a una specie di provocazione laicista da parte di un presidente, Francois Hollande, che non è proprio un idolo dei fedeli cattolici. Approfondendo meglio la vicenda, grazie soprattutto a un articolo su Vatican Insider del vaticanista Andrea Tornielli (al quale chiedo scusa per il saccheggio), i miei dubbi sono aumentati e la mia impressione iniziale ne è rimasta un po’ sconvolta. Leggo infatti nel testo che Laurent Stefanini, ovvero l’ambasciatore proposto dalla Francia alla Santa Sede, è ’un […]

  

Il Papa e i farisei: ‘Dio non ha paura delle novità’

‘Farisei’ che volevano fare l’esame di religione a Gesù e indurlo in errore. A loro, e anche a noi, farisei dei nostri giorni, il Papa risponde con il Vangelo: ‘Date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio’. E invita non usare i ‘problemi di coscienza’ per nascondere altre realtà dai nomi meno gradevoli. Gesù o Cesare? ‘Si pongono problemi di coscienza soprattutto quando entrano in gioco le loro convenienze, le loro ricchezze, il loro prestigio, la loro fama’ dice Papa Bergoglio nell’omelia per la beatificazione di Paolo VI. Scandisce la soluzione che […]

  

Se in prima serata Gesù diventa gay

C’è un po’ di cielo nelle carte bollate? La domanda  nasce dall’incredibile storia di un matrimonio omosessuale trasmesso in prima serata da Raidue.  Peccato che il bacio nuziale fosse tra Gesù e un apostolo, identificato dagli spettatori basiti con Pietro.  Lo sketch presunto comico era partito con un’inquadratura classica da Ultima cena di Leonardo da Vinci. Solo che accanto a Gesù c’era una donna. La Maddalena in stile Dan Brown? Tutto lasciava pensare  a questo, a partire dalla colonna sonora: la marcia nuziale di Mendelssohn. Alla fine la sorpresa: Gesù non bacia la donna, ma l’uomo seduto al suo fianco. […]

  

Il blog di Sabrina Cottone © 2018