La Madonna a Medjugorie: ‘Musulmani, ortodossi, cristiani, tutti siete figli miei’

medjugorie

Mi ha molto colpito, dopo la visita negli Emirati Arabi Uniti di Papa Francesco, la grande Messa nello stadio, l’invito a ricordarci che siamo tutti fratelli perché creati da Dio, leggere le parole di padre Livio Fanzaga, anima di <Radio Maria>, e soprattutto rivedere tutti insieme la raccolta di messaggi della Madonna, a Medjugorie, che invita a rispettare i credenti di altre fedi.  Così un messaggio della Madonna già nel maggio 1982: ” Sulla terra voi siete divisi, ma siete tutti figli miei. Musulmani, ortodossi, cattolici, tutti siete uguali davanti a mio Figlio e a me. Siete tutti figli miei. […]

  

Più pentole per riformare la Chiesa?

Teresa con Gesù in un'icona dipinta a Nazaret

‘Sarebbe cosa ardua se si potesse fare orazione solo in luoghi appartati’. La frase, sembra strano dirlo, è stata pronunciata da una monaca, e che monaca, visto che si tratta di santa Teresa d’Avila, maestra degli spirituali e dottore della Chiesa… Teresa, che oggi festeggia 500 anni dalla nascita (sulla terra, a Avila), era una donna di preghiera, come pensare il contrario? E proprio per questo dichiara senza timore che si può pregare ovunque, non solo nei luoghi silenziosi e ieratici. (Lo scrive nelle ‘Fondazioni’, 5, 16, passaggio citato da papa Francesco nella sua lettera d’auguri inviata all’ordine). A me […]

  

Il Papa: come correggere chi ci offende…

‘Insultare non è cristiano’ ha detto il Papa durante l’Angelus. E fin qui ci siamo più o meno tutti. Ma come fare a a liberarci dall’ira o dal risentimento, che fanno solo male? da quell’amarezza del cuore che porta l’ira e il risentimento e che ci portano ad insultare e ad aggredire? Queste domande sono già più difficili. Papa Francesco ha dato una risposta commentando il Vangelo di oggi in cui Gesù spiega come comportarsi con le persone che commettono colpe contro di noi (il testo integrale si può leggere qui). Una strada per evitare che l’ira monti è andare […]

  

Il porticciolo con vista su Gesù

Quanto è bello godere di Gesù e poterlo adorare sempre, in ogni chiesa, forse l’ho capito meglio qualche giorno fa, dopo essere approdata nel caldo torrido delle due del pomeriggio in un porticciolo che fino a quel momento non avevo mai visto: Scario, nel Cilento. La porta spalancata della chiesa è stata una delle prime immagini che mi ha colpito e accompagnato fin lì, a brevi passi sotto il sole. Minuti di ristoro dell’anima. Mi sono chiesta: perché tutta questa gioia per una chiesa aperta? In fondo il Signore l’ho visto e pregato nel mare, che ha fatto così incredibilmente […]

  

Un matrimonio indissolubile

C’è un po’ di cielo e arriva dal passato: è una storia d’amore finita con un matrimonio all’alba del 4 maggio 1916. Lei si chiama Grace Gifford, è un’artista e la fidanzata di un poeta. Hanno deciso di sposarsi presto ma non tutto fila liscio intorno a loro. Poeta e patriota, il fidanzato Joseph Mary Plunkett è tra coloro che nei moti di Pasqua per primi proclamano la Repubblica d’Irlanda. Ha ventotto anni. Viene condannato a morte e decidono di giustiziarlo il 4 maggio 1916. Lei va a comprare le fedi. Prima di consegnarsi al boia, quando il sole non […]

  

I miracoli dei due Papi

Sono andata pellegrina a Roma domenica 27 aprile, quando Papa Francesco ha proclamato santi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. E vorrei raccontarvi la storia di una persona che ho potuto conoscere meglio nell’attesa, tra i giardini di Castel Sant’Angelo, con la vista sul cupolone di San Pietro. “Sono qui perché Giovanni Paolo è stato una via del mio ritorno a Dio e alla Chiesa, anche se l’ho capito solo molto dopo.  Quando lui ha cominciato a stare male e a mostrare la sua sofferenza al mondo, non credevo ormai da tempo. Battesimo e prima comunione, come tanti. Ho studiato […]

  

Il blog di Sabrina Cottone © 2019