Islam: religione e politica

Mentre in Siria il presidente Assad continua a fare ammazzare rivoltosi con una ferocia che supera quella di suo padre nell’eliminazione dei Fratelli mussulmani a Hamma nel 1982, strane dichiarazioni vengono fatte da alti personaggi del Partito Di Dio, il movimento Hezbollah shiita in Libano. Il loro carismatico leader Hassan Nasrallah rispondendo al Segretario Generale dell’ONU che il 24 gennaio scorso aveva denunciato come “inamissibile” il possesso di migliaia di missili da parte degli Hezbollah (minacciosi per la regione) ha ammesso il 7 febbraio di aver ricevuto armi dall’Iran. Ma in un video registrato nel suo bunker ha aggiunto che […]

  

Sanzioni contro la Siria: perchè la Cina segue la Russia?

Perché la Cina segue la Russia nel bloccare le sanzioni contro la Siria pur sapendo che una politica del genere la rende odiosa al mondo arabo? Per motivi molto differenti da quelli di Mosca ma che la obbligano ad appoggiare la politica araba del Cremlino. La Russia contrariamente alla Cina, ha in Siria interessi storici e strategici. Specie dopo la guerra con Israele nel 1973 e il passaggio del presidente egiziano Sadat e poi di Mubarak sotto l’egida americana, la Siria era rimasta la sola sicura base politica di Mosca nel Medio Oriente. Da lei Assad padre e figlio avevano […]

  

“Siria: non sarà una rivoluzione a buttare giù Assad”

Il numero di vittime in Siria cresce, ma nonostante le bombastiche dichiarazioni di leader occidentali, un anno dopo l’inizio della rivolta il presidente Assad é sempre al potere. Due ne sono le ragioni : l’appoggio della Russia dall’esterno e le rivalità di una debole e pretenziosa opposizione all’interno. La posizione di Mosca é chiara: la Siria non é solo un paese alleato ma anche la finestra del Kremlino sul Mediterraneo. Unità navali russe proteggono basi militari e commeciali mentre all’Onu l’ambasciatore russo blocca qualsiasi mozione o sanzione anti siriana o l’interveno del Consilio di Sicurezza. La debolezza dell’opposizione é evidente. […]

  

Il blog di Dan Segre © 2018