Caro Dell’Anna, sul divorzio breve spiace constatare che il Governo non sia stato in grado di affrontare la questione delle separazioni e dei divorzi in modo coraggioso, garantendo l’uguaglianza delle figure genitoriali nel processo educativo dei figli. Non è giusto che i doveri di cura del minore ricadano solo su un genitore (generalmente la madre), limitandolo nel suo percorso professionale e lavorativo, e gli obblighi di mantenimento solo sull’altro. Ruolo educativo e impegni economici devono essere equamente ripartiti nel rispetto del principio della bigenitorialità e del superiore interesse dei minori. Mi sarei aspettato una riforma più audace. Anche se i […]